/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 24 gennaio 2020, 12:48

Ex Embraco, i lavoratori scrivono a Whirlpool: "Urgente pagare gli arretrati"

In attesa del vertice al Mise del 3 febbraio, i dipendenti di Riva di Chieri manifesteranno di nuovo sotto la sede della multinazionale a Pero, lunedì 27 gennaio. Tappa anche sotto casa dei vertici Ventures

Ex Embraco, i lavoratori scrivono a Whirlpool: "Urgente pagare gli arretrati"

A Roma si andrà il 3 febbraio, ai tavoli del Mise per mettere meglio a fuoco la situazione. Ma intanto, i lavoratori ex Embraco programmano una nuova trasferta a Pero, dove si trova la sede di Whirlpool Emea. Mentre nel pomeriggio di lunedì programmano - dicono fonti sindacali - di spostarsi a Como, per un presidio sotto la casa della famiglia Di Bari (uno dei vertici dell'attuale proprietà, Ventures).

E proprio Whirlpool è destinataria - in particolare a Carmine Trerotola, responsabile delle relazioni industriali - della lettera che i dipendenti hanno scritto, reclamando gli arretrati che ancora aspettano di essere pagati. "Negli scorsi giorni Whirlpool ha dichiarato di impegnarsi nel versamento delle competenze spettanti ai 407 dipendenti della Ventures s.r.l. (ex Embraco) entro la fine del mese corrente - si legge nella lettera - Tuttavia, in questi mesi, più e più volte sono state disattese promesse da parte di tutti gli attori coinvolti nella vertenza".

"In questo periodo - aggiungono - le famiglie, a causa dei mancati pagamenti, stanno vivendo una situazione di profondo disagio economico e psicologico nei confronti di banche, finanziarie, strutture sanitarie pubbliche e private, oltre all’insostenibile gestione della vita quotidiana. La situazione attuale è drammatica per le famiglie con figli, monoreddito, ecc. I pagamenti delle competenze dovute hanno bisogno di date definite e rispettate tramite documenti ufficiali e non I giornali".

"Si chiede con la presente - concludono - l’ufficializzazione di date certe e definite, sottoscritte con un tavolo in data lunedì 27 gennaio, da tenersi presso la sede Whirlpool Emea di Pero, al quale dovranno partecipare, oltre a Lei, sindacati e lavoratori. Si richiede inoltre il saldo del conto Escrow aggiornato alla data dell’incontro e un monitoraggio dello stesso, ogni quindici giorni, con evidenze e comunicazioni verso i sindacati e i lavoratori".

E Vito Benevento (Uilm) commenta: "Continuano le iniziative insieme ai lavoratori e proseguiranno fino a quando la vicenda ex Embraco non assumerà dei connotati positivi con la ricollocazione dei lavoratori in nuove realtà in grado di assorbirli. Auspichiamno che il prossimo incontro in programma il 3 febbraio al ministero getti le basi per una o più reindustrializzazioni in grado di garantire un futuro occupazionale per tutti i 400 lavoratori".

Massimiliano Sciullo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium