/ Attualità

Attualità | 07 marzo 2020, 11:30

Un patto "green" tra Moschea Taiba e Città di Torino: piantumati nuovi alberi al parco Colonnetti

In occasione dell'iniziativa "M'illumino di meno", quest'anno incentrata sull'incremento del verde urbano. Nelle prossime settimane saranno messi a dimora altri 13 mila esemplari

Un patto "green" tra Moschea Taiba e Città di Torino: piantumati nuovi alberi al parco Colonnetti

Nuovi alberi messi a dimora nel parco Colonnetti di Torino, in occasione dell'iniziativa "M'illumino di meno", che quest'anno invita tutti i cittadini a incrementare il verde urbano e prendersene cura. Con questo gesto è stato ufficializzato ieri mattina il protocollo d’intesa tra la Città e l’Associazione islamica delle Alpi (afferente alla Moschea Taiba), con la collaborazione di Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta. 

Si tratta della prima di una serie di iniziative mirate alla promozione di pratiche sostenibili all'interno della comunità. La prima domenica di Ramadan, il 26 aprile, la Moschea promuoverà infatti un intervento di riforestazione partecipata, aderendo all’iniziativa “Mille alberi per Torino”, con la messa a dimora di 50 alberi acquistati dalla Comunità con i fondi raccolti durante la giornata di #OpenMosque nell’ambito della campagna #GreenRamadan. I nuovi alberi saranno piantati al parco della Pellerina, con l'ausilio dei volontari del Progetto VisPO (Volunteering Initiative for a Sustainable PO). Nel complesso, in primavera, troveranno dimora circa 300 nuovi alberi.

“Contiamo già 10 mila esemplari piantumati lo scorso novembre, per la Giornata nazionale dell'Albero - ha spiegato l'assessore all'ambiente Alberto Unia -. La vicinanza della Comunità islamica ci dimostra che esiste una sola città, senza divisioni all'interno, e che tutti vogliamo impegnarci per il bene comune".

"Per noi l'albero ha una valenza spirituale molto forte - ha aggiunto Ibrahim Baya, dell'Associazione Islamica delle Alpi -, perché è simbolo di rinascita. Ringraziamo quindi la Città per il supporto che sempre ci dimostra".

Il Comune proseguirà nel suo programma di forestazione urbana nel vicino parco Piemonte, nel parco della Stura, dove a novembre ne sono stati piantati 7000, e in altri parchi di Torino Nord. Un'azione che mira a contrastare il cambiamento climatico, grazie all'assorbimento della CO2 presente nell’aria l'intercettazione delle polveri sottili a opera delle foglie. La vegetazione in città, inoltre, può migliorare il microclima contribuendo a una sensibile diminuzione delle temperature, attraverso la riduzione della radiazione solare incidente su edifici e aree ombreggiate dalla vegetazione.

Manuela Marascio

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium