/ Attualità

Attualità | 28 marzo 2020, 16:07

Coronavirus, "non aprite quella porta": il Comune di Nichelino mette in guardia dal rischio dei falsi aiuti

Truffatori si aggirano in questi giorni per la città, suonando alla porta dei più anziani: "Le uniche persone autorizzate sono i volontari della Protezione civile"

Coronavirus, "non aprite quella porta": il Comune di Nichelino mette in guardia dal rischio dei falsi aiuti

Anche in questo periodo di forzata quarantena per tutti, costretti a restare in casa per l'emergenza coronavirus, i truffatori non vanno in vacanza. Per questo, il Comune di Nichelino invita i cittadini, specie quelli più anziani, a fare attenzione.

L'invito è molto chiaro: non aprire la porta di casa a persone che non si conoscono, potrebbe trattarsi di truffatori. All'Amministrazione sono giunte segnalazioni di persone che si presentano alle case dei nichelinesi per offrire aiuti. "Occorre stare molto attenti", ha spiegato il sindaco Giampiero Tolardo. "Le uniche persone autorizzate a portare aiuti, o eventualmente i farmaci e la spesa, a chi è chiuso in casa in quarantena, sono i volontari della Protezione civile".

L'invito, quindi, è quello di tenere lontane le persone non autorizzate: il rischio di ritrovarsi dentro casa truffatori o ladri è tangibile, come successo nei primi giorni dell'allerta coronavirus, con finti operatori sanitari o falsi carabinieri che avevano rubato o frodato molti anziani.

Massimo De Marzi

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium