/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 07 aprile 2020, 16:45

Coronavirus, da domani nel Torinese la consegna di farmaci e alimenti anche in taxi

Ricca: "Accordo per il trasporto di beni di prima necessità a tariffe concordate". Il prezzo sarà di 7.5 euro per consegne a 2.5 Km, massimo 10 euro per lo stesso comune

Coronavirus, da domani nel Torinese la consegna di farmaci e alimenti anche in taxi

Da domani a Torino e provincia i farmaci, ma anche la spesa, potranno essere consegnati con il taxi o autonoleggi. “Come Regione – spiega l’assessore alla Sicurezza Fabrizio Ricca – abbiamo fatto un accordo per il trasporto di beni di prima necessità a tariffe concordate: l’unico modo per superare la crisi legata Coronavirus è fare rete e rispettare le regole”.

Il servizio dovrà essere svolto nel rispetto di tutte le disposizioni anti-contagio. Il prezzo per la consegna a domicilio sarà massimo di 7,50 euro per quelle nel raggio di 2,5 km, di 10 euro al massimo nell'ambito del medesimo comune e di 15 euro al massimo nell'ambito di più comuni. Non saranno consentiti ulteriori indennizzi o sovrapprezzi.

Un’iniziativa dall’8 aprile a sostegno anche delle auto bianche, che dall’inizio dell’emergenza hanno perso l’85% del fatturato. Il cliente chiamerà quindi la farmacia o il negozio di fiducia, per ordinare ciò di cui ha bisogno e fissare la consegna: dopo telefonerà al centralino dei taxisti, oppure tramite app, indicherà il punto di ritiro della merce e dove consegnarla.

Ogni giorno – spiega Isabella Maino, di Federtaxi Cisal – effettuiamo non più di uno/due corse. Su tutte le nostre macchine sono stati messi i vetri divisori in policarbonato, poi ci siamo dotati di mascherine, guanti e diversi disinfettanti per ambiente e sedili. Questi vengono igienizzati dopo ogni passeggero, così come le maniglie: durante le corse vengono poi tenuti i finestrini leggermente aperti. Tutte misure a garanzia della nostra salute e quella dei clienti”.

Dell’iniziativa fanno parte anche i circa 200 tassisti tradizionali, quelli che lavorano alle fermate, che potranno essere contattati dai cittadini e mandato a fare acquisti proprio come gli altri.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium