/ Viabilità e trasporti
Estate 2020 ad Abano Terme: intervista al sindaco Federico Barbierato

Salute e natura, cultura ed enogastronomia: sono questi i pilastri della proposta a "Km 0" del Comune di Abano Terme per l'estate 2020. Che tipo di vacanza verrà offerta? Come verranno accolti i turisti? Ne parliamo con il sindaco, Federico Barbierato

Pubblicato da Torino Oggi su Martedì 5 maggio 2020

Viabilità e trasporti | 08 aprile 2020, 15:08

La denuncia dell'autista Gtt: “Ho avuto i sintomi del coronavirus ma potrei tornare a lavorare senza tampone”

La testimonianza di Pierluigi Aliberti, conducente di tram e autobus. La replica di Gtt: “Non è in servizio dal 16 marzo, non ha segnalato il contagio e sarà in cassa integrazione fino al 19 aprile”

La denuncia dell'autista Gtt: “Ho avuto i sintomi del coronavirus ma potrei tornare a lavorare senza tampone”

“Ho avuto i sintomi del coronavirus, ma a breve potrei dover rientrare a lavoro senza aver effettuato il tampone”: la testimonianza è di Pierluigi Aliberti, autista di tram e autobus Gtt, reduce da due settimane di quarantena a causa di febbre alta, congiuntivite e mucosa infiammata.

Ad allarmare maggiormente Aliberti è proprio il mancato tampone che rende incerto l'eventuale contagio, nonostante le ripetute segnalazioni sia al medico curante che al numero verde dedicato all'emergenza Covid-19: “Ho avuto la febbre tra 38,5 e 39,5 – spiega – per quindici giorni e ancora adesso ho alcuni sintomi definiti secondari: nonostante questo, non mi è stata fatta nemmeno una visita; dopo molta insistenza, sono riuscito a fare una richiesta formale di tampone per responsabilità morale nei confronti dei miei colleghi e della mia famiglia”.

Un'altra preoccupazione è proprio quella legata al posto di lavoro: “La voglia di rientrare c'è – prosegue Aliberti – per vivere quel po' di normalità che ci è concessa ma ho ancora problemi alle mucose e mi bruciano gli occhi: venerdì parlerò con il mio medico e prenderemo una decisione ma non mi sento tranquillo. Per il momento sono ufficialmente negativo ma il dubbio rimane perché non mi è stato fatto il tampone pur avendo gli indicatori”.

Nelle intenzioni di Aliberti c'è anche quella di sensibilizzare l'opinione pubblica proprio sull'utilizzo dei tamponi: “Il mio - conclude – non vuole essere un atto di accusa ma una battaglia civile che parte dalla mia esperienza personale: per questo ho scritto alla direzione della mia azienda, al prefetto, alla sindaca e agli assessorati alla sanità di Comune e Regione”.

Nel frattempo, oltre a garantire il rispetto del protocollo anti-contagio interno e l'utilizzo di strumenti come la misurazione della temperatura ai dipendenti, Gtt precisa che: “L’autista non è in servizio dallo scorso 16 marzo, giorno in cui è entrato in malattia, non ha segnalato una diagnosi di Covid-19 e non rientra nell'elenco dei lavoratori a rischio per patologie pregresse. Avendo adottato la cassa integrazione a rotazione, inoltre, pur essendo disponibile dal 4 aprile lo stesso non rientrerà fino al giorno 19 compreso”.

Sulla vicenda interviene anche la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Francesca Frediani: “Casi come questo – dichiara - testimoniano senza ombra di dubbio quanto la macchina dell’emergenza sia, ancora oggi, incapace di tutelare appieno i lavoratori che garantiscono servizi essenziali: è giusto iniziare a programmare la cosiddetta fase due, ma questo non deve distogliere l’attenzione dall’emergenza ancora in corso".

Marco Berton

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium