/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 19 novembre 2020, 12:23

Caselle Sud si mette in vetrina: Torino entra a far parte del sistema museale di Leonardo

Si va dai velivoli costruiti in legno e con le superfici alari ricoperte in tela, a quelli costruiti in fibra di carbonio e titanio, sino agli aerei pilotati da remoto

Caselle Sud si mette in vetrina: Torino entra a far parte del sistema museale di Leonardo

Torino da oggi entra a far parte del Sistema Museale di Leonardo. Situato presso lo stabilimento Leonardo Velivoli di Torino Caselle Sud, il Museo dell’Industria Aeronautica Leonardo ospita alcune tra le produzioni più significative dell’Azienda: dai velivoli costruiti in legno e con le superfici alari ricoperte in tela, a quelli costruiti in fibra di carbonio e titanio, con sofisticati sistemi di navigazione e gestione della missione, sino agli aerei pilotati da remoto. Un Museo e centro di documentazione storica che custodisce un patrimonio unico e che da oggi si aggiunge agli altri archivi storici e realtà espositive proprietà di Leonardo (Museo Agusta, Museo Breda Meccanica Bresciana, Museo delle Officine Galileo, Museo del Radar) coordinate da Fondazione Leonardo-Civiltà delle Macchine.

Il Museo è frutto di un progetto, avviato nel 2013, di recupero e conservazione dei velivoli storici presenti presso i siti industriali della Divisione Velivoli di Leonardo, realizzato grazie al supporto del GAVS - Gruppo Amici Velivoli Storici di Torino, e dai volontari del Gruppo Seniores Leonardo, che gestiscono le attività di manutenzione degli aerei e l’accoglienza dei visitatori.

In mostra sono esposti alcuni velivoli storici completi ad ala fissa tra cui: il biplano SVA 9 del 1917, utilizzato tra gli altri da Gabriele D’Annunzio, recuperato negli anni ‘70 dall’allora Aeritalia e restaurato dall’Azienda con la collaborazione del GAVS-Torino; il primo prototipo dell’Eurofighter del 1994, che rappresenta ancora oggi la maggiore realizzazione tecnologica europea nel campo dei velivoli da difesa; un Fiat G.91 modello che ha segnato la rinascita industriale del Paese negli anni ’50, primo aereo a getto, prodotto in serie progettato e sviluppato in Italia dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.

Ai velivoli in esposizione, si affianca l’enorme patrimonio del Centro di Documentazione Storica Velivoli – circa 58.000 articoli di assoluta eccellenza – presso la sede Leonardo Velivoli di Corso Francia, a Torino. Disegni tecnici su carta e lucidi di aerei e relative componenti a partire dal 1910 circa, progetti originali, fotografie, microfilm, manualistica, videocassette, CD, DVD, note tecniche e libri sono parte di un patrimonio tecnico che attrae grandi e piccoli, appassionati del volo e studiosi. 

M.Sci

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium