/ Politica

Politica | 27 novembre 2020, 17:18

Furia (PD): "Continuano i ritardi della Regione sull'alluvione". Gabusi replica: "Accuse infondate"

"Tanti annunci, tantissime dichiarazioni, tentativi continui di scaricabarile quando ci sono problemi". Poi arriva la reazione dell'assessore regionale: "il Piemonte ha inoltrato richiesta della dichiarazione di Stato di Emergenza fin dall’inizio"

Furia (PD): "Continuano i ritardi della Regione sull'alluvione". Gabusi replica: "Accuse infondate"

"I ritardi della Regione in materia di alluvione sono un'altra prova del modo in cui lavora la Giunta Cirio: tanti annunci, tantissime dichiarazioni, tentativi continui di scaricabarile quando ci sono problemi, e poi incapacità di affrontare e risolvere gli errori della macchina amministrativa", attacca Paolo Furia, Segretario regionale del PD.

"Il 22 ottobre la Presidenza del Consiglio ha dichiarato lo stato di emergenza per i territori delle province di Cuneo, Biella, Novara, Vercelli e Verbano Cusio Ossola. Contestualmente il Governo ha stanziato 15 milioni di euro per gli interventi di somma urgenza: viene nominato a commissario il Presidente della Regione Alberto Cirio, con facoltà di deroga normativa per gli interventi".

"Lo stato d'emergenza era stato richiesto correttamente e tempestivamente dalla Regione Piemonte all'indomani degli eventi. Il Governo si era raccomandato di mettere le esigenze indifferibili e urgenti di tutti i territori nella stessa richiesta, quella cui il Governo ha dato una prima risposta il 22 ottobre. Invece, inspiegabilmente, la Regione ha realizzato a fine ottobre una seconda domanda di stato d'emergenza per gli stessi eventi alluvionali di inizio ottobre, questa volta relativa alla provincia di Alessandria e ad alcuni Comuni della città metropolitana di Torino".

"Secondo gli uffici governativi sembrerebbe che la Regione abbia inoltrato la documentazione a supporto di questa richiesta solo il 25 novembre, cioè in questi giorni. Insomma: la Regione ha formulato due richieste, anziché una sola, generando caos nella trasmissione dei dati e delle informazioni necessarie al Governo per offrire risposte. Ci chiediamo certo come sia possibile che l'Alessandrino e alcuni comuni del Torinese siano entrati nella richiesta formulata dalla Regione di stato d'emergenza per gli stessi eventi alluvionali circa dieci giorni prima". 

"E' certo spiacevole dover constatare come, ogni giorno, almeno uno degli Assessori della Giunta Cirio scarichi sul Governo la responsabilità delle proprie incapacità o difficoltà", conclude Furia. "Mi auguro che non si perda altro tempo: i nostri Comuni hanno bisogno di interventi rapidi".

Respinte al mittente le accuse del parlamentare Pd Enrico Borghi e del segretario del Pd del Piemonte Paolo Furia sui presunti ritardi della Regione Piemonte nella richiesta danni per l’alluvione che ha colpito il Piemonte lo scorso 2 e 3 ottobre. «Le dichiarazioni di Borghi e Furia sono infondate e diffamatorie – commenta l’assessore alla Protezione civile della Regione Piemonte Marco Gabusi -. Il segretario Pd deve chiedere scusa a tutti i tecnici comunali e regionali che hanno lavorato in condizioni difficilissime e con una tempistica davvero ristretta per ottenere la copertura dei danni provocati dall’alluvione. L’onorevole Borghi, nonostante sia parlamentare e consapevole di quanto stia accedendo, questa volta è completamente fuori strada: cerca solo di nascondere le carenze di bilancio che non permetteranno di avere entro l’anno quanto richiesto per gli interventi più urgenti».

Contrariamente a quanto sostengono i due esponenti del Partito Democratico, la Regione Piemonte ha infatti inoltrato richiesta della dichiarazione di Stato di Emergenza per tutto il Piemonte fin dall’inizio: la documentazione collegata alla richiesta è stata inviata al Dipartimento di Protezione civile in due note, una del 6 ottobre e una del 12 ottobre, inclusi anche i territori della Provincia di Alessandria e della Città Metropolitana di Torino.

La dichiarazione dello Stato di Emergenza, avvenuta con delibera del Consiglio dei Ministri del 22 ottobre, non includeva, però, i territori delle Province di Alessandria e Torino. La Regione Piemonte ha perciò chiesto chiarimenti al Dipartimento, in seguito ai quali ha sollecitato e chiesto nuovamente l’inserimento di questi territori con una nota del 30 ottobre. Dopo le dovute interlocuzioni il Dipartimento ha chiesto il dettaglio, intervento per intervento, di tutte le ordinanze di somma urgenza, i video, le foto e l’intera documentazione utile prodotta durante l'emergenza.

Tutto il materiale richiesto è stato trasmesso il 25 novembre. «I tecnici hanno fatto un lavoro enorme – assicura l’assessore Gabusitanto è vero che abbiamo anche ricevuto gli elogi per la completezza e il dettaglio forniti. Questa mattina in video conferenza abbiamo fornito al Dipartimento di Protezione civile chiarimenti in relazione alle dinamiche fluvio torrentizie dei corsi d'acqua esondati nei territori delle due provincie riscontrando a questo punto, la disponibilità del Dipartimento a valutare l'estensione dello Stato di Emergenza anche a questi territori. Ci siamo impegnati e ci stiamo impegnando tutti, dal governatore Alberto Cirio in qualità di Commissario delegato per il territorio a tutti i tecnici e gli operatori. È inaccettabile infangare così il lavoro di tante persone inventando ritardi e inadempienze che non esistono. La verità è che in questo momento da Roma abbiamo solo 15 milioni di copertura a fronte di un miliardo di danni, non di certo per colpa della Regione o del Dipartimento di Protezione civile. Vorrei ricordare agli esponenti del Partito Democratico che siamo ancora in attesa delle risorse annunciate per i danni ai privati del 2019: dovrebbero concentrare la propria attenzione sul reperimento delle coperture economiche anziché perdere tempo ad inventare accuse».

Il prossimo passo sarà la trasmissione del Piano degli interventi di somma urgenza, incluse anche le province di Alessandria e Torino entro l'11 di dicembre, come richiesto dal Capo del Dipartimento di Protezione Civile.

E' poi giunta, successivamente, la controreplica di Furia: "L'Assessore Gabusi risponde all'obiezione che l'On. Borghi e il sottoscritto abbiamo formulato nei riguardi della gestione regionale della vicenda alluvione offendendosi e sostenendo che avremmo, con la nostra obiezione, offeso i funzionari regionali e comunali che con solerzia hanno lavorato alla ricognizione dei danni e all'avvio della ricostruzione. Non si offenda l'Assessore Gabusi: se tra un annuncio e l'altro di questa Giunta Regionale ogni tanto il nostro partito si permette di sollevare dubbi sul suo infallibile operato, questo non significa che vogliamo mancare di rispetto a chi lavora sui dossier, funzionari e personale (sarebbe come dire che tutte le volte che qualcuno della destra piemontese critica il Governo, cosa che peraltro succede assai spesso, si offendono i dipendenti che onestamente e faticosamente lavorano per far funzionare la macchina pubblica)". 

"Siamo costretti, invece, a tenere l'Assessore Gabusi sul merito. Nella sua ricostruzione, l'Assessore scrive: "Contrariamente a quanto sostengono i due esponenti del Partito Democratico, la Regione Piemonte ha infatti inoltrato richiesta della dichiarazione di Stato di Emergenza per tutto il Piemonte fin dall’inizio: la documentazione collegata alla richiesta è stata inviata al Dipartimento di Protezione civile in due note, una del 6 ottobre e una del 12 ottobre, inclusi anche i territori della Provincia di Alessandria e della Città Metropolitana di Torino. La dichiarazione dello Stato di Emergenza, avvenuta con delibera del Consiglio dei Ministri del 22 ottobre, non includeva, però, i territori delle Province di Alessandria e Torino". Quello che Gabusi omette in questa ricostruzione è il primo atto: quello del 3 ottobre, con cui la Regione ha richiesto al Governo lo stato di emergenza. In quel primo atto, la richiesta di stato di emergenza, che sarebbe stata corredata dai dati alcuni giorni dopo come naturale (il 6), non verteva in alcun modo i Comuni interessati della Città metropolitana di Torino e della Provincia di Alessandria. Sono dunque quattro le date da tenere in considerazione.

3 ottobre: E' stata formulata una richiesta di stato d'emergenza solo per Biella, Cuneo, Novara, Verbania e Vercelli.

6 ottobre: consegna di dati sui danni relativi alle 5 province per cui è stato chiesto lo stato d'emergenza.

12 ottobre: consegna di dati relativi a Alessandria e Torino, per cui però non è stato chiesto stato d'emergenza.

E' questo il momento in cui si è determinata dunque confusione. La Regione giunge a chiedere lo stato d'emergenza solo il 30 ottobre, cioè dopo l'avvenuta proclamazione dello stato d'emergenza da parte del Consiglio dei Ministri, relativa appunto alla richiesta formulata il 3 ottobre. In questo scambio di carteggi, l'unica cosa che conta, e che ha determinato alcuni ritardi nell'erogazione delle risorse, segnalati dagli amministratori locali, è che la Regione Piemonte si è scordata di fare la richiesta di stato d'emergenza anche per i Comuni del Torinese e dell'Alessandrino. Se il 3 era troppo presto e il clima troppo concitato per arrivarci, sarebbe forse bastato chiederlo il 12, almeno contestualmente alla consegna dei dati relativi a quelle province. E questo atto è mancato da parte della guida politica della Regione, non degli uffici. 

Invece che offendersi, o addirittura alludere ad un contenuto diffamatorio della nostra critica, può l'Assessore smentire la nostra ricostruzione? Se non può, niente di grave: non chiederemo nemmeno che ci chieda scusa per la sua reazione composta. Basta che ora tutti gli equivoci siano chiariti e che le risorse che il nostro territorio attende arrivino nel tempo più rapido possibile".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium