/ Politica

Politica | 27 novembre 2020, 14:58

Scuola e Covid; Boggio (Sinistra Italiana) e Grimaldi (LUV): “La scuola riprenda stabilmente e in sicurezza"

"La Regione Piemonte presenti il suo piano per il rientro”

Scuola e Covid; Boggio (Sinistra Italiana) e Grimaldi (LUV): “La scuola riprenda stabilmente e in sicurezza"

“Gli studenti stanno pagando un prezzo altissimo all’emergenza Covid, il rientro a scuola, almeno a parole, è una priorità assoluta per tutti ma non ci risulta che la Regione stia lavorando ad un piano per la sicurezza sanitaria che interessi i trasporti, con corse aggiuntive e ingressi scaglionati. Il Presidente Cirio, quando solidarizza con gli studenti, si candida a vincere il premio faccia tosta: dopo aver fatto trascorrere l’intera estate senza stilare un piano per il rientro in sicurezza, sta compiendo lo stesso oggi”: sono le parole di Giulia Boggio, responsabile del forum scuola di Sinistra Italiana Piemonte e Marco Grimaldi, capogruppo di Liberi Uguali Verdi in Regione.

“Cirio, Lega e soci – prosegue Grimaldi – hanno bocciato tutte le nostre proposte che chiedevano di rendere obbligatorie le spese per finanziare i voucher scuola, nonostante questo sia l’unico modo per garantire a tutti gli idonei gli aiuti per libri di testo, trasporti, materiale didattico e, soprattutto, per l’acquisto di saponette per l’accesso a internet e di computer o tablet, strumenti necessari per garantire a tutte le famiglie l’azzeramento del digital divide che isola alcuni studenti impedendo loro di accedere alla DAD. È un problema che colpisce maggiormente i nuclei più fragili, aumentando ulteriormente le disuguaglianze che già erano presenti in tempi normali. Stiamo parlando di un’intera generazione che rischia di subire un danno irreparabile, e questa loro ferita merita risposte adeguate da progettare fin da subito”.

“Crediamo che la scuola debba ripartire al più presto ma che il rientro dovrà essere permanente – prosegue Boggio – non ci possiamo permettere nuovi pit-stop; se servirà più tempo per garantire questa certezza prendiamocelo, riprendiamo pure il 7 gennaio ma sistemiamo le inefficienze che hanno portato al sovraffollamento delle linee urbane ed extraurbane e la conseguente esplosione di contagi nel mondo della scuola: garantiamo a studenti e personale scolastico certezze, stabilità e sicurezza”.

“La ministra Azzolina ha posto nel 9 dicembre la data indicata per il rientro ma a poco più di dieci giorni non sappiamo se esista e quale sia il piano di potenziamento dei trasporti che ha stilato la Regione: ad esempio, si è studiato di concerto con le aziende dei trasporti un modo per garantire un’affluenza limitata e scaglionata alle scuole sulla fascia oraria 8:30-10:30?” – si chiedono Boggio e Grimaldi. “Crediamo che la Regione stia arrivando nuovamente impreparata all’appuntamento, pensando forse di improvvisare il rientro a scuola degli studenti com’è successo a settembre con il risultato che conosciamo già, ovvero l’interruzione delle lezioni in presenza al primo aumento dei contagi".

"Il mondo della scuola deve tornare al centro della programmazione regionale – concludono Boggio e Grimaldi – lo dobbiamo agli studenti in primis, ma anche alle loro famiglie, ai docenti e a tutto il personale tecnico amministrativo, cioè a tutti coloro che stanno affrontando i risultati drammatici dell’incapacità progettuali e gestionali di questa Giunta: se non è in grado di farlo la politica si costituisca subito una Commissione di tecnici che si occupi di farlo”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium