/ Attualità

Attualità | 14 aprile 2021, 14:36

Venaria, da domani divieto di vendita di bevande alcoliche dalle 18 alle 5 della mattina

Dopo il danneggiamento della porta d'accesso al Parcheggio Pettiti e i casi di assembramento, interviene il sindco Giulivi: "Non è ancora tempo di movida, in questo modo si allontana il traguardo della fine dell'incubo Covid"

Venaria, da domani torna il divieto di vendita di bevande alcoliche dalle 18 alle 5 della mattina

Venaria, da domani torna il divieto di vendita di bevande alcoliche dalle 18 alle 5 della mattina

In relazione ai nuovi episodi accaduti negli scorsi giorni, dal danneggiamento della porta dell'accesso al Parcheggio Pettiti (per il quale sono al vaglio della Polizia Municipale i filmati delle videocamere per l'individuazione del responsabili), ai continui assembramenti in Piazza Don Alberione, sentita la Giunta e le Forze dell'Ordine, il sindaco di Venaria Fabio Giulivi ha nuovamente firmato un'ordinanza per gli esercizi di vicinato del settore alimentare e misto - su Viale Buridani e Via Andrea Mensa - che impone il divieto di vendita di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione in contenitori di qualsiasi genere e dimensioni, dalle ore 18 fino alle 5 del giorno successivo, a partire da domani giovedì 15 al prossimo 25 aprile.

Così come ai bar viene imposta la chiusura alle ore 18, a causa del Decreto legge in materia, anche gli altri locali devono interrompere la vendita di alcolici per evitare di aggirare la normativa prendendo in giro tutti gli altri esercenti commerciali e gli altri concittadini che rispettano le regole.

Il sindaco di Venaria Fabio Giulivi è stato molto duro: "Non è ancora tempo di movida e più si continua in questo modo, più si allontana il traguardo della fine di questo incubo. Se poi alla movida si aggiungono gli atti vandalici è necessario intervenire su tutti i fronti con gli strumenti disponibili alle amministrazioni comunali".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium