/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 28 aprile 2021, 11:12

Stellantis, Mele: "Confermati 2 mld su Torino". Ma a maggio in cassa tutti i lavoratori

"A Torino stiamo adattando le linee per le nuove Maserati GranCabrio e Turismo, che saranno tutte elettriche e arriveranno nel 2022"

Davide Mele, Deputy della regione Enlarged Europe di Stellantis

Davide Mele, Deputy della regione Enlarged Europe di Stellantis

Non siamo fermi, ma all’attacco”. E’ in sintesi questo il messaggio che ha voluto lanciare Davide Mele, Deputy della regione Enlarged Europe di Stellantis, durante il Consiglio Comunale aperto dedicato all’automotive. Una seduta che arriva dopo l’approvazione, lo scorso 8 marzo, dell’ordine del giorno presentato da Eleonora Artesio (Torino in Comune – La Sinistra) sulla necessità di sostenere e salvaguardare il settore, particolarmente colpito dalla recessione nell’ultimo anno a causa soprattutto della pandemia.

Mele: "A maggio previsto l'utilizzo della cassa per tutti i lavoratori"

E la conferma che lo scenario sia ancora complesso arriva per bocca dello stesso Mele, che ha confermato l’allarme lanciato nelle scorse settimane dai sindacati: ”a maggio è previsto l’utilizzo della cassa per tutti i lavoratori”. Dopo il mese di stop per la fabbrica Maserati di Grugliasco (dal 28 aprile al 30 maggio), a dichiarare ore di ammortizzatore sociale è anche la Comau, con 9 settimane di cassa integrazione tra maggio e giugno a causa dell’annullamento di commesse automotive soprattutto da parte di Stellantis.

"Crisi automotive anche nel 2021 per mancanza strategia sui vaccini, meno fiducia dei consumatori e mancanza componenti elettrici"

La crisi iniziata nel 2020 a causa del Covid, come ha chiarito il Deputy Chief, perdura “anche nel 2021 per mancanza di una strategia sui vaccini, meno fiducia dei consumatori e mancanza dei componenti elettrici”.

"Lavori su linee per nuove Maserati GranCabrio e Turismo"

Mele ha però chiarito che l’investimento da 5 miliardi, annunciato nel 2019 pre-pandemia, è confermato. Di questi “due miliardi sono destinati al polo Torino, che rimarrà strategico. Se escludiamo le contingenze del lockdown, Mirafiori sta consolidando a livello europeo il suo ruolo guida: qui abbiamo avviato la produzione della 500 elettrica. qui stiamo rinnovando la gamma motori della versione ibrida Ghibli levante”. “A Torino  - ha aggiunto - stiamo poi facendo lavori propedeutici per adattare le linee per le nuove Maserati GranCabrio e Turismo, che saranno tutte elettriche e arriveranno nel 2022. Sempre a Mirafiori è in corso l’installazione del solar power: un progetto di pannelli fotovoltaici su 150 mila mq, in grado di abbattere le emissioni per 5mila tonnellate di co2”.

"Non siamo fermi, ma all'attacco"

"Non siamo fermi, ma all'attacco. Il cammino di sostenibilità esige di lavorare insieme per superare le difficoltà attuali e creare le condizioni di competitività" ha concluso Mele.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium