Elezioni comune di Torino

 / Attualità

Attualità | 09 maggio 2021, 10:17

"Detenuto tenta di strangolare agente, aggressioni al carcere di Torino come fossimo nel Far West"

L'ultimo episodio, avvenuto ieri, denunciato da Leo Beneduci, segretario generale del sindacato di Polizia Penitenziaria Osapp

agente di polizia penitenziaria - foto di repertorio

Osapp: "Aggressioni agli agenti del carcere di Torino come se fossimo nel Far West"

La denuncia arriva da Leo Beneduci, segretario generale del sindacato di Polizia Penitenziaria Osapp: "Nel tardo pomeriggio di ieri, sabato 8 maggio, un detenuto con problemi psichiatrici ha tentato di strangolare, senza apparente motivo, un Agente del carcere di Torino".

"Teatro dell’episodio il primo piano del padiglione “C”. Si tratta dello stesso detenuto che circa dieci giorni fa sferrò una violenta testata a un Ispettore della P.P.. L’Agente è stato accompagnato al Pronto soccorso dell’Ospedale Maria Vittoria di Torino dove è stato dimesso nella tarda serata con 5 giorni di prognosi s.c. per aver riportato distrazione rachide cervicale. Negli ultimi due mesi, nel carcere di Torino si sono verificate più aggressioni in danno del personale di Polizia Penitenziaria che hanno dovuto, loro malgrado, fare ricorso alle cure ospedaliere esterne", aggiunge Beneduci.

Il segretario generale dell'Osapp aggiunge: "Quanto ripetutamente accaduto è il risultato di una politica penitenziaria attuata in assoluto dispregio delle condizioni di lavoro del personale di Polizia Penitenziaria spesso lasciato solo nelle sezioni detentive ad operare in assoluta ristrettezza di mezzi e di supporti anche con 100/150 detenuti alla volta e anche con detenuti di estrema pericolosità. Sono gli ennesimi episodi a riprova del fatto che un eccessivo “buonismo” nella gestione di penitenziari problematici come quello di Torino può mettere a repentaglio l’ordine e la sicurezza nonché l’incolumità degli Agenti di Polizia Penitenziaria che vi operano e che come già detto sono completamente abbandonati a loro stessi a fronte di un sovraffollamento di oltre il 30% della popolazione detenuta complessa e difficile da gestire con casi particolari e psichiatrici".

"La situazione è sempre più drammatica per il personale di Polizia Penitenziaria che si trova a gestire una popolazione detenuta sempre più complessa e difficile e a farne le spese è solo lo stesso personale di Polizia Penitenziaria. Chiediamo l’intervento immediato del Ministro Cartabia considerato che il personale di Polizia Penitenziaria non interessa più a nessuno – le politiche penitenziarie oramai sono completamente concentrare a favore dei soli detenuti”, conclude Beneduci.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium