/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 17 giugno 2021, 17:53

Lavoratori precari del Comune, sindacati pronti allo sciopero

"Attendiamo risposte certe e concrete, ci sono 250 persone in ballo"

Lavoratori precari del Comune, sindacati pronti allo sciopero

Si è tenuta questa mattina la discussione in Commissione Consiliare in seduta congiunta riguardante il lavoro precario presente nei Servizi del Comune di Torino. I sindacati Nidil Cgil, Felsa Cisl e Uiltemp Uil denunciano che "a distanza di più di un anno dall’apertura della vertenza che riguarda circa 250 lavoratrici e lavoratori, riteniamo grave dover prendere atto che poco o nulla sia stato fatto per arrivare alla definizione di risposte risolutive per chi lavora con la spada di Damocle sulla testa, per via della scadenza contrattuale al raggiungimento dei 36 mesi,  e che non ci sia volontà di farlo".

Per i sindacati è "grave prendere atto oggi che nonostante le Organizzazioni Sindacali  abbiano continuato ad operare per trovare una soluzione per garantire continuità occupazionale e riconoscimento delle professionalità a tutte le lavoratici e a tutti i lavoratori che quotidianamente sostengono e contribuiscono con il proprio lavoro al Servizio Pubblico , non siano state ipotizzate soluzioni da parte dell’Ente" e definiscono grave anche il prendere atto "della mancanza di assunzione di responsabilità da parte del decisore politico per affrontare il problema della precarietà lavorativa nei Servizi, quale garante del Servizio Pubblico  nei confronti dei Cittadini".

"Il tergiversare da parte del Comune implica una sospensione della applicazione della disciplina contrattuale per il superamento del precariato,  creando un vulnus sia sulla reale utilità dei Tavoli Tecnici avviati tra le Parti quale importante conquista delle lavoratrici e dei lavoratori in questo anno di lotta, sia sulla possibilità reale che attraverso i Tavoli si possa arrivare a soluzioni atte a garantire continuità occupazionale, riconoscimento delle professionalità maturate nei 3 anni di lavoro, per tutte e tutti le lavoratrici e lavoratori e preservare la qualità dei Servizi Pubblici".

Ed allora i sindacati, per scongiurare il rischio di sciopero e mobilitazione, chiedono l'applicazione della Disciplina contrattuale e normativa vigente a favore del blocco immediato del turnover e il superamento del precariato nei Servizi e che il Comune come Ente Pubblico risponda delle proprie responsabilità per le ricadute sulla qualità dei Servizi e sugli Operatori che contribuiscono a portarli avanti".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium