/ Attualità

Attualità | 30 giugno 2021, 10:35

Vol.To, nel 2020 sono stati 2.225 i cittadini che hanno chiesto di diventare volontari

Numeri che parlano chiaro: rispetto al 2019 sono stati il 52% in più. Intanto l’assemblea dei soci ha approvato il bilancio

Vol.To, nel 2020 sono stati 2.225 i cittadini che hanno chiesto di diventare volontari

Nella serata di martedì 29 giugno l’Assemblea dei Soci del Centro Servizi per il Volontariato Vol.To ha approvato il bilancio sociale e il rendiconto gestionale 2020.

Per la difficile situazione sanitaria e per gli effetti socio-economici del perdurare dell’emergenza sanitaria e sociale, il Centro Servizi per il Volontariato, nel corso del 2020 è stato ancora di più al fianco del Terzo Settore per aiutarlo a ricreare un tessuto sociale inclusivo che da un lato sostenesse i nuovi bisogni e dall’altro fosse da stimolo alla politica per la creazione di un nuovo modello di welfare. Tuttavia, l’emergenza sanitaria ha rimandato al 2021 il lavoro di coinvolgimento degli stakeholder in programma per il 2020.

Sono stati 10.717 i servizi erogati da Vol.To nel corso del 2020 (‐38% rispetto ai 17.343 del 2019) e utilizzati da 1.029 ETS (1.034 nel 2019) pari al 79% delle 1.302 realtà accreditate al CSV e quindi in possesso dei requisiti necessari per l’accesso ai servizi. Il calo dei servizi erogati è da imputarsi alla situazione pandemica che ha bloccato e/o limitato l’organizzazione di eventi ed iniziative degli ETS.

Nel corso del 2020 sono stati 2.225 i cittadini (il 52% in più rispetto alle 1.467 del 2019) che si sono rivolti a Vol.To per diventare volontari. Nel solo periodo del primo lockdown Vol.To ha gestito un numero di richieste di aspiranti Volontari pari a quante, solitamente, sono processate in un intero anno: 1.188 sono state, infatti, le candidature pervenute a Vol.To tra marzo e maggio 2020. Di queste il 48% ha un’età compresa tra 18 e 30 anni (1.090 persone), il 53%, è alla prima esperienza di volontariato e il 63% sono donne (1.412 su 2.255).

Nel 2020, 717 giovani tra i 18 e i 28 anni hanno richiesto e ricevuto informazioni sul servizio civile e, di questi, 253 hanno partecipato al bando che si è aperto il 21 dicembre 2020 per svolgere un progetto di loro interesse presso 35 ETS del territorio (tra cui Vol.To stesso).

Lo sportello di progettazione sociale, il servizio di Vol.To che supporta gli ETS nell’ideazione di progetti di intervento e nel reperimento delle risorse necessarie per realizzarli, ha proseguito regolarmente le proprie attività nel corso del 2020. Nel corso del 2020 lo Sportello di Progettazione ha pubblicato 99 bandi emanati da 34 enti pubblici e privati del territorio, erogato 117 consulenze a 49 ETS, accompagnato 26 ETS alla presentazione di 31 progetti di cui 20 sono stati approvati per un totale di 418.766,04 euro di finanziamenti ottenuti da 20 ETS (16 OdV, 1 APS, 3 Onlus).

Le attività dei corsi sono state completamente riorganizzate per poter essere condotte a distanza, hanno permesso di realizzare 22 corsi di formazione a cui hanno partecipato 1.391 persone (1.311 volontari e 80 aspiranti tali) di 388 ETS (l’88% ODV) che hanno incrementato le proprie competenze sull’utilizzo delle tecnologie digitali, acquisito elementi per fare volontariato in sicurezza durante l’emergenza.

Sono cresciute anche le attività di comunicazione: sono stati pubblicati su voltolive.it 917 articoli relativi a eventi e iniziative degli ETS (oltre 44mila pagine visitate da 23.448 visitatori). Sono state realizzate a partire da aprile 19 dirette su Facebook, con interviste a consulenti del CSV e personalità di spicco su temi di attualità e il coinvolgimento di una media di 80 spettatori per ciascun evento. È stata inaugurata la Web‐tv del volontariato con tre talk show dedicati ai temi del volontariato e del sociale, realizzati e programmato il palinsesto per il 2021. Diffusi 99 bandi locali emanati da 34 differenti enti erogatori pubblici e privati, raggiungendo 10.316 visite da oltre 6 mila visitatori. Creata la Rubrica online “L’ago di Bussolino: come orientarsi nella normativa”, con 27 approfondimenti pubblicati su altrettanti temi per dare risposte puntuali ai volontari sulla gestione dell’emergenza, le opportunità dei ristori e l’adeguamento alla Riforma del Terzo Settore. 1.218 servizi in materia di ufficio stampa a 201 ETS (177 ODV, 11 APS, 13 Onlus) 14 siti web realizzati per altrettanti ETS (11 ODV, 1 APS, 2 Onlus). Infine, gli utenti della pagina istituzionale su Facebook sono cresciuti dell’11,4%.

In conclusione, partendo dall’analisi dei risultati ottenuti e dalle esperienze vissute nel 2020, Vol.To ha individuato alcuni punti su cui occorre lavorare nel 2021 per essere sempre più punto di riferimento sul territorio per tutto ciò che concerne il mondo del volontariato: innovazione digitale, incremento e diversificazione degli utenti, contaminazione tra profit e non profit, ulteriore reperimento di Fondi Extra-FUN, proseguimento del lavoro di applicazione dell’Agenda 2030.

Queste le parole del Presidente di Vol.To Gerardo Gatto:La mobilitazione del mondo del volontariato in pandemia non dovrebbe stupire nei numeri, perché non è una risposta, ma l’affermazione di un valore e un modo di stare al mondo. Il processo di adattamento, allo stesso tempo, è conseguenza di un approccio che da sempre caratterizza il mondo del volontariato. Quello che auspico è che le collaborazioni messe in moto proseguano su questo cammino insieme al Centro Servizi e a tutti i volontari e le volontarie, per potenziare le occasioni di incontro e confronto, ma soprattutto per puntare a nuovi e importanti obiettivi nel solco dell’Agenda 2030, proseguendo al tempo stesso nella diversificazione delle strategie di reperimento fondi atti a finalizzare progetti decisivi per tutti noi, continuando a impattare sul territorio e innovando pensando ai giovani”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium