/ Attualità

Attualità | 27 settembre 2021, 09:25

Coldiretti Torino: "Stop al rimpallo responsabilità sui cinghiali: devastati prati di azienda a Settimo Vittone"

L'accusa dell'allevatrice Jari Nicoletta:" In questi anni qualcuno non ha fatto il proprio dovere. Sul tavolo degli imputati io ci metto il Comprensorio Alpino, la Città metropolitana di Torino e la Regione Piemonte"

Coldiretti Torino: "Stop al rimpallo responsabilità sui cinghiali: devastati prati di azienda a Settimo Vittone"

I cinghiali hanno devastato i prati polifiti degli alpeggi dell’azienda Nicoletta, in regione Rovarnero, a Settimo Vittone. L’imprenditore agricolo Jari Nicoletta, 42 anni, denuncia: "I cinghiali hanno devastato dieci giornate piemontesi di prati permanenti polifiti, da sfalcio e pascoli. Noi, come sempre, a metà aprile siamo saliti in alpeggio. Sin da metà maggio i cinghiali hanno grufolato la cotica erbosa. Poi hanno continuato a far danni per tutta l’estate, fino a oggi. Le incursioni dei cinghiali si sono intensificate. Hanno colpito i nostri prati, come quelli di tutta la valle. Siamo nell’Alto canavese, ai confini con la Valle D’Aosta".

"Non amo lamentarmi – sbotta Jari Nicoletta –. Finché i cinghiali non erano tanti e grufolavano pochi metri quadrati di prati montani si poteva anche sopportare i danni e porre rimedio risistemando la cotica erbosa. E così abbiamo sempre fatto. Ora però la situazione è sfuggita di mano. Lo confermano anche i tecnici del Comprensorio alpino, saliti a rilevare i danni. Quando piove dai prati grufolati nascono ruscellamenti che danneggiano i prati. Negli ultimi anni i danni dei cinghiali sono andati crescendo. L’emergenza coronavirus poi ha ulteriormente peggiorato la situazione".

Jari Nicoletta prosegue: "I prati del nostro alpeggio si inerpicano su scoscesi pendii, dove pascolano i capi di Pezzata rossa valdostana. I bovini producono buon latte che il nostro caseificio cooperativo Nicoletta trasforma in formaggi vaccini a latte crudo freschi – i tomini, il reblec, le robiole, la crescenza – e stagionati – la toma rovarnerina, in onore dell’alpeggio Rovarnero, il quadrifoglio formaggio tipico taleggio con stagionatura in grotta o il grinch, formaggio a pasta dura stagionato 18-24 mesi. Produciamo anche latte biologico fresco pastorizzato, burro, yogurt, ricotta e salignun. Tutti prodotti in vendita nello spaccio aziendale, nei vari gruppi di acquisto e nei mercati dei produttori a Rivarolo, Castellamonte, Pont Saint Martin e nel nostro agriturismo, La Ciuenda, qui in regione Rovarnero".

"Noi siamo allevatori e trasformatori da due generazioni. Oggi in azienda, oltre a me, lavorano mio papà Mauro, classe 1957, mia sorella Alice, 33 anni, due dipendenti e una mano arriva anche da mia figlia Giulia, 17 anni, studentessa – spiega Jari Nicoletta -. Se oggi tornassero i miei nonni e vedessero questo territorio devastato dai cinghiali non so proprio come la prenderebbero…di sicuro non troppo bene. Vorrei aggiungere alcune altre cose. Alla fine dobbiamo dirlo: i cinghiali non sono nati qui: sono stati introdotti e oggi la situazione è sfuggita di mano. Non se ne può più anche di certi discorsi dei cacciatori che ci vengono a dire che non gli conviene abbattere i cinghiali perché prendono solo 5 euro al chilogrammo della carne di cinghiali. Tutto questo mentre a noi le vacche a fine carriera, da macello, ci vengono pagate appena 1,20 euro il chilogrammo. Fatico anche a sopportare certi discorsi dei cittadini, ambientalisti da salotto, che si scandalizzano se i cinghiali vengono abbattuti, ma ignorano completamente qual è la reale situazione di noi che alpeggiamo".

"Una cosa è certa e evidente – aggiunge Jari Nicoletta -. In questi anni qualcuno non ha fatto il proprio dovere. Sul tavolo degli imputati io ci metto il Comprensorio Alpino, la Città metropolitana di Torino e la Regione Piemonte. Dico anche che i rimpalli di responsabilità e tutti gli scaricabarile - di uno che dice che è colpa dell’altro - non ci aiutano ad arginare l’invasione dei cinghiali. La realtà è che oggi i cinghiali sono troppi. Stanno mettendo a rischio l’esistenza dell’attività agricola. Non ci sono scuse che tengano – pochi selecontrollori, risorse insufficienti o mancato coordinamento tra enti -: se si vuole fermare l’invasione dei cinghiali bisogna abbatterli. E, per favore, stavolta facciamo in fretta…".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium