/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 10 novembre 2021, 11:00

Cassa Covid, in un anno e mezzo "protetti" oltre 3 milioni di posti di lavoro in Piemonte

La media è di oltre 173mila al mese. Nel corso dell'ultimo anno hanno invece perso il lavoro oltre 50mila persone, tra precari e contratti a termine. La nostra regione è quinta in Italia per ore di ammortizzatori sociali richiesti

Sono stati circa 173mila i posti di lavoro protetti, ogni mese, da aprile a settembre

Sono stati circa 173mila i posti di lavoro protetti, ogni mese, da aprile a settembre

Una media di oltre 173mila lavoratori protetti ogni mese, in Piemonte, mentre sono stati i precari a pagare un conto salato alla pandemia, con circa 50mila posti di lavoro persi. È il bilancio che fa l'ufficio studi della Uil Nazionale sul fronte della cassa integrazione in periodo di pandemia. 
In particolare, per quanto riguarda il Piemonte, emerge che da aprile 2020 a settembre 2021 sono state autorizzate 530.508.781 ore di cassa integrazione (280.473.952 di cassa ordinaria, 147.532.117 di fondi di solidarietà e 102.502.712  ore di cassa in deroga). A livello nazionale, nello stesso periodo, sono state autorizzate 6.383.583.489 ore. 

Il Piemonte è al quinto posto in Italia per ore richieste, preceduto da Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia-Romagna.

Nella valutazione di un periodo molto critico dal punto di vista sanitario, economico e sociale, possiamo sostenere, a ragion veduta, che la cassa integrazione con causale Covid-19 e il blocco dei licenziamenti hanno garantito la conservazione del posto di lavoro ad un’ampia platea di lavoratrici e lavoratori piemontesi - commenta il segretario generale Uil Piemonte, Gianni Cortese -. Nel lasso di tempo preso in considerazione sono state complessivamente autorizzate a livello regionale oltre 530 milioni di ore di cassa integrazione Covid-19, che hanno salvaguardato, in media mensile, circa 173.000 lavoratrici e lavoratori. Nell’ultimo anno hanno perso il lavoro oltre 50.000 persone, impiegate per lo più con forme contrattuali precarie e a tempo determinato, alle quali non è stato rinnovato il contratto. Ѐ inconcepibile parlare seriamente di ripresa senza il perseguimento dell’obiettivo di una occupazione stabile e senza mettere in campo efficaci azioni legate alle politiche attive".

"La rinascita del Piemonte
- aggiunge Cortese - sarà possibile solo con investimenti adeguati, con la valorizzazione del lavoro, la creazione di posti di qualità, politiche formative efficaci, una gamma di ammortizzatori e misure di sostegno al reddito adeguatamente riformati e applicabili a tutti i settori. Diversamente, si continuerà a parlare di crescita del PIL, peraltro ancora distante dai livelli precovid, realizzato senza ricadute positive sull’occupazione, in particolare giovanile”. 

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium