ELEZIONI REGIONALI
 / Eventi

Eventi | 24 aprile 2022, 15:36

"La stanza di Remo": al teatro Astra la storia di un partigiano

Da lunedì 25 a domenica 30 aprile

"La stanza di Remo": al teatro Astra la storia di un partigiano

La Stagione della fondazione TPE Teatro Piemonte Europa  prosegue con "La Stanza di Remo - I can’t breathe": una nuova produzione firmata dal collettivo artistico Saveria Project, in cui - partendo dalle storie di vita del partigiano Remo - si intreccia un racconto transgenerazionale sulla lotta e la Resistenza.

A partire dal 1943, a Bologna e in Emilia Romagna, molti giovani e ragazze decisero da che parte stare rinnegando l'inconsapevole infanzia da Balilla ed entrando nelle file della Resistenza. Tra loro ci furono Remo e le staffette Lina Tìnti e Germana Masi. Remo è stato deportato. Come molti partigiani oggi vive in una casa di riposo. Un luogo di memorie e dimenticanze. Uno spazio che è anche il simbolo di un passato che non vogliamo ricordare, ma che per fortuna resiste alla rimozione.

"La stanza di Remo" diventa così il luogo in cui i ricordi di un partigiano, prigioniero politico nel campo di concentramento di Bolzano, si intrecciano con le esperienze di altre donne e uomini che hanno fatto la Resistenza. Ma è anche un contenitore di lotte, del passato e del presente, in cui trova spazio il bisogno di giustizia dei ventenni afrodiscendenti, che si battono contro le discriminazioni razziali e di genere. La loro rabbia si confronta con la nostra storia, personale e collettiva, e con i nostri appuntamenti mancati.

INFO: TEATRO ASTRA, via Rosolino Pilo 6, da lunedì 25 a domenica 30 aprile, ore 21 (mercoledì ore 19.30), www.fondazionetpe.it

Daniele Angi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium