/ Cronaca

Cronaca | 18 novembre 2022, 10:07

Rubano delle monete antiche da un'auto in sosta: arrestato un trentacinquenne, il complice riesce a fuggire

I due hanno agito a Borgo Dora, in via Cantoira: uno faceva il palo, l'altro forzava le serrature delle macchine parcheggiate. La refurtiva è stata riconsegnata al legittimo proprietario

immagine di repertorio

immagine di repertorio

Una volante della polizia è stata inviata d'urgenza, alle 5 di domenica mattina, in via Cantoira, dove due persone stavano cercando di scassinare e aprire le auto in sosta.

Ad allertare le questura era stata una persona che aveva notato i due sospetti armeggiare nei pressi di alcune macchine: uno era stazionante sul marciapiede a fare il "palo", l'altro dedicato a forzare le auto. Quest'ultimo a un certo punto era riuscito a entrare dentro un'utilitaria, rovistandone l’abitacolo, per poi allontanarsi insieme al complice verso via Foligno.

I poliziotti hanno appurato la presenza del veicolo danneggiato, con al suo interno alcuni attrezzi per l'edilizia e nel portaoggetti delle monete antiche. Messisi immediatamente alla ricerca dei presunti ladri, gli agenti ne hanno rintracciato uno mentre transitava tra via Foligno e via Gubbio. Alla vista della volante, l’uomo ha tentato di fuggire, ma è stato prontamente bloccato dopo pochi metri.

Il soggetto, un trentacinquenne italiano, si è mostrato sin da subito insofferente al controllo. Nascosti all’interno del suo giubbotto, un sacchetto di plastica contenente delle monete antiche da collezione, successivamente riconsegnate al legittimo proprietario, e un flessibile da taglio, anche questo oggetto di furto dall’abitacolo della macchina.

Alla luce dei fatti, l’uomo è stato tratto in arresto per furto aggravato in concorso con persona rimasta ignota.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium