/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 08 gennaio 2023, 16:00

Musica, Igloo: "Nel nuovo disco raccontiamo il vuoto tra parole e rumori"

Gli amici e la musica li hanno fatti incontrare nella città sabauda: e così quattro ragazzi hanno fatto nascere a Torino il progetto che si presenta con il disco "Punto e a capo"

Musica, Igloo: "Nel nuovo disco raccontiamo il vuoto tra parole e rumori"

Gli amici e la musica li hanno fatti incontrare nella città sabauda, da tutto ciò sono nati gli Igloo. La band è composta da quattro membri: Dario alla batteria, al piano e alla produzione; Luca al basso; Niccolò alla chitarra e ai suoni electro; Matteo alla voce. Gli Igloo non si identificano in un genere unico, raccontano la quotidianità anche attraverso i suoni-rumori. Da poco è uscito il loro disco Punto a capo nel quale cercano di descrivere il vuoto in tutte le sue forme.


Come si sono formati gli Igloo e perché si chiamano così?

Ci siamo conosciuti sia tramite amici in comune che tramite la musica. Quando abbiamo iniziato a scrivere e suonare brani nostri volevamo un nome che ci rappresentasse, che ci descrivesse. Il contrasto che raccoglie la parola ‘Igloo’ ci è piaciuto subito. È una casa calda e accogliente, ma fatta di ghiaccio gelido.


Chi fa cosa all’interno del progetto?

Siamo in quattro. Dario suona la batteria, il piano e si occupa di smanettare per le produzioni. Luca suona il basso. Niccolò suona la chitarra e gestisce le sequenze e tutte i suoni elettronici live. Matteo canta e scrive i testi. Arrangiamo tutti insieme in sala prove e poi a casa, davanti al pc. Per quanto riguarda social, logistica e merch ci alterniamo un po’ tutti, sfruttando la creatività e la pragmaticità di ognuno.


Come vi descrivereste ad un vostro nuovo ascoltatore?

Abbiamo sempre fatto fatica a identificarci in un genere musicale, nei nostri brani si trovano sicuramente pop, rock, elettronica. Raccontiamo quello che viviamo utilizzando i suoni di quello che ci circonda (letteralmente) e le parole che ci attraversano la testa nella musica che facciamo.


Cosa ispira la realizzazione dei testi e della musica dei vostri brani?

Il quotidiano, le persone, i posti dove andiamo. Cerchiamo di riportare le cose che ci succedono. Generalmente partiamo dal testo e da un giro di accordi, poi in sala prove iniziamo a suonarci sopra finché non troviamo l’abito adatto. Nei nostri brani ci sono sempre dei rumori di oggetti o luoghi che in qualche modo colleghiamo alle parole, a volte più riconoscibili e altre meno. Per noi sono come uno strumento, fondamentali.


Punto a capo è il vostro nuovo disco, quali storie racconta?

Il concept di questo disco nasce nel 2020 e ha l’intento di descrivere il vuoto in tutte le sue sfaccettature. Parla di notti passate svegli, dei ricordi che si accumulano e delle cicatrici che ci lasciano addosso. Parla di domande senza risposta e delle nostre teste. Parla di come abbiamo riempito il vuoto nell’unico modo che conosciamo: osservando, scrivendo, suonando. I rumori che si possono ascoltare in questi 8 brani sono quelli di un treno, di una lavatrice, borracce, accendini, sospiri.


La vostra Torino musicale e non.

Siamo tutti nati e cresciuti qui, sicuramente le dobbiamo di averci fatto incontrare. C’è tanta musica a Torino e noi andiamo spesso insieme ai concerti, sia di amici emergenti sia di artisti internazionali. Torino è una città a misura d'uomo e la spontaneità di un aperitivo in centro o di uno shooting nei campi della prima cintura hanno modellato il nostro modo di lavorare al progetto: di aperitivo in aperitivo, di conversazione in conversazione, spontaneamente.


News, live in programma, appuntamenti.

Il 15 gennaio suoneremo alla Birrovia di Cuneo.

Federica Monello

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium