ELEZIONI REGIONALI
 / Economia e lavoro

Economia e lavoro | 03 febbraio 2023, 07:00

Ora Zelensky vuole pure i caccia, ma gli alleati NATO sono incerti

Dopo aver ottenuto dagli amici della NATO i carri armati o almeno la promessa di riceverli, Zelensky torna alla cassa a chiedere velivoli da combattimento

Ora Zelensky vuole pure i caccia, ma gli alleati NATO sono incerti

Dopo aver ottenuto dagli amici della NATO i carri armati o almeno la promessa di riceverli, Zelensky torna alla cassa a chiedere velivoli da combattimento. Le forze ucraine non vogliono più pilotare i Mig-29, ma sono interessate ai caccia occidentali come l’F-15, l’F-16, il Rafal e il Gripen. La richiesta giunge come passo in avanti logico e conseguente, dopo che all’Ucraina sono stati forniti con gradualità armamenti di potenza e pericolosità sempre maggiore. Nel corso dei mesi e dopo lunghe discussioni e trattative, dai lanciarazzi portabili si è passati ai sistemi terra-aria, dai razzi a corto raggio si è passati ai carri armati pesanti. Ora la mossa successiva è quella dei “jet fighter”, ma la tempistica proposta da Zelensky è davvero azzerdata, come lo sono gli aerei stessi. I Paesi della NATO, tranne poche eccezioni, hanno infatti nicchiato, spiegando che con i caccia il rischio di un’escalation sarebbe davvero grosso. E inoltre vi sono problemi tecnici da non sottovalutare. Lo stesso trasporto dei velivoli in Ucraina senza farsi coinvolgere nel conflitto in maniera diretta sarebbe un incubo a livello logistico. Come riferisce il sito Strumenti Politici, i problemi tecnici riguardano i tempi richiesti per padroneggiare efficacemente le manovre e la difficoltà di effettuare la manutenzione. Ali aerei americani, poi, servono piste di atterraggio lunghe e in ottimo stato, che in Ucraina semplicemente non esistono. Gli stessi politici ucraini si rendono conto delle riserve degli “alleati” occidentali, che temono un’escalation definitiva che porti alla guerra aperta o comunque a un riassetto sfavorevole dell’architettura internazionale. Francia e Gran Bretagna lo hanno detto in maniera piuttosto franca, la Svezia dice di non avere intenzione di dare i suoi Gripen, la Germania esclude categoricamente la possibilità di fornire caccia.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium