/ Politica

Politica | 07 febbraio 2023, 18:04

Personale esterno negli ospedali: stop agli infermieri a gettone

Personale esterno negli ospedali: stop agli infermieri a gettone

Limitare il ricorso a medici e infermieri a gettone nelle aziende sanitarie piemontesi. È questa la richiesta che la consigliera Pd Monica Canalis, ha rivolto con un question time all’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi. L’interrogazione nasce dal fatto che l’ospedale San Luigi di Orbassano, a fine 2022 per sopperire alla carenza di personale, ha temporaneamente affidato ad uno studio associato la ricerca di infermieri gettonisti da impiegare in sala operatoria.

“Non è corretto parlare di infermiere a gettone – puntualizza l’assessore Icardi - perché l’azienda ospedaliera in questo caso ha acquisito un “servizio” e non "infermieri a gettone". Competenze, capacità e professionalità specifiche dei professionisti in questione, finalizzate a prestazioni chirurgiche complesse sono state accertate e verificate da parte della Direzione delle professioni sanitarie dell’Azienda. Si tratta di personale iperspecializzato in tutti gli ambiti chirurgici. Per sopperire alla mancanza di personale sono state prese in considerazione anche le prestazioni aggiuntive del personale strutturato, ma non sarebbero state idonee a garantire orari così lunghi e la funzionalità della Sala operatoria, oltre a gravare eccessivamente sui carichi di lavoro degli infermieri a tempo indeterminato. Si è trattato di un servizio provvisorio, abbiamo infatti già provveduto a personale infermieristico da assumere”.

"Il dilagare di personale esterno negli ospedali piemontesi sta aprendo la strada ad una preoccupante privatizzazione della sanità e ad una concezione meramente aziendalistica della salute, che mette in secondo piano la qualità del servizio e di fatto anche i conti - ha dichiarato in aula la consigliera Canalis -  Questi operatori infatti costano molto di più e soprattutto non hanno una consuetudine d’equipe con i loro colleghi nè conoscono logisticamente le strutture ospedaliere in cui vanno a prestare servizio. Il lavoro a cottimo, in un settore in cui la relazione umana e l’affiatamento sono fondamentali, può mettere a repentaglio la sicurezza e rapidità delle prestazioni. Le aziende sanitarie  - conclude - programmino in anticipo le assunzioni sostitutive dei lavoratori che cessano dal servizio, in modo tale da evitare il ricorso al costoso personale esterno".

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium