/ Attualità

Attualità | 17 settembre 2023, 06:00

Coldiretti lancia l'allarme: "Più lupi in Piemonte che in tutta la Svezia, allevamenti e bestiame a rischio"

Moncalvo: "Le istituzioni intervengano subito, viene messa in pericolo la biodiversità dei nostri territori"

lupi - foto d'archivio

Coldiretti lancia l'allarme lupi: "A rischio gli allevamenti di tutto il Piemonte"

"Ora bisogna salvare le migliaia di pecore e capre sbranate, mucche sgozzate e asinelli uccisi lungo tutta la Penisola dove la presenza del lupo si è moltiplicata negli ultimi anni con il ripetersi di stragi negli allevamenti che hanno costretto alla chiusura delle attività e all’abbandono della montagna". E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento alla notizia che la Commissione Europea ha aperto una consultazione pubblica per decidere di modificare o "rendere più flessibile", lo status di specie protetta del lupo la cui concentrazione in alcune regioni europee è diventata un pericolo reale per il bestiame e potenzialmente anche per l'uomo con l’invito le autorità locali e nazionali ad agire laddove necessario.

Più lupi in Piemonte che in tutta la Svezia

Nelle zone del Piemonte, della Liguria e della Valle d'Aosta e, soprattutto, sulle Alpi piemontesi sono stati stimati circa 600 lupi. Sono i dati del monitoraggio nazionale pubblicato nell'ambito del progetto Life WolfAlps EU, in sinergia con ISPRA. La popolazione di lupi stimata, a livello nazionale, è intorno ai 3.300 esemplari, 950 nelle regioni alpine e quasi 2.400 lungo il resto della penisola.

I numeri confermano che il lupo, ormai, non è più in pericolo d’estinzione; il rischio vero oggi è piuttosto la scomparsa della presenza dell’uomo delle montagne e delle aree interne per l’abbandono di migliaia di famiglie ma anche di tanti giovani che faticosamente sono tornati per ripristinare la biodiversità perduta con il recupero delle razze storiche – spiegano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa delegato confederale - Basti pensare che ci sono più lupi in Piemonte di quanti ne ha l’intera Svezia, tanto per fornire una proporzione di territorio".

Coldiretti: "Tutelare allevamenti e biodiversità"

"Serve, dunque, responsabilità nella difesa, da parte delle Istituzioni e degli organi competenti, degli allevamenti, dei pastori e allevatori che – concludono Moncalvo e Rivarossa – con coraggio continuano a presidiare i territori e a garantire la bellezza del paesaggio, contro degrado, frane e alluvioni che minacciano anche le città”.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium