/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 23 novembre 2023, 11:52

L'auto di oggi si specchia nell'Austerity del 1973. Elkann: "Torino centrale nel cambiamento della mobilità"

Il paragone con 50 anni fa si compie grazie alla mostra "Drive different" visitabile al Mauto fino al 7 aprile. Tavares: "Abbiamo progetti e tecnologie per guidare questa transizione"

L'auto di oggi si specchia nell'Austerity del 1973. Elkann: "Torino centrale nel cambiamento della mobilità"

Una mostra per raccontare una fase di sfida per l'automobile, legata a condizioni di emergenza energetica e non solo. Oggi, come 50 anni fa, i mezzi a 4 ruote sono di fronte a un bivio. Oggi la transizione energetica e ambientale, all'epoca l'Austerity, proprio il filo rosso che vuole raccontare la nuova mostra ospitata dal Mauto, Museo dell'automobile: "Drive different", curata da Giosuè Boetto Cohen. Sarà visitabile fino al 7 aprile. 

Era il 23 novembre 1973, quando una legge del governo Rumor impose agli italiani di tirare il freno nei consumi di energia. Stop alle auto di domenica, limiti a riscaldamento e illuminazione, negozi e benzinai chiusi in anticipo.

"Il mondo dell'auto sta vivendo un momento di incertezza e difficoltà per motivi esterni, come la transizione ecologica e il cambiamento tecnologico - commenta Benedetto Camerana, presidente del Mauto - e una quota dell'inquinamento è dovuto agli 1,4 miliardi di veicoli cirolanti nel pianeta. E si sta sviluppando una percezione di contrapposizione all'automobile, sopratto nelle aree urbane e soprattutto in Europa". "Un mondo di cambiamenti e innovazione che la mostra vuole raccontare: bisogna cambiare tutti il modo di pensare", aggiunge. "E abbiamo scelto questo periodo che coincide con i 50 anni dell'Austerity".

Torino protagonista del cambiamento dell'auto 

Tra i presenti all'inaugurazione della mostra, insieme al ceo di Stellantis, Carlos Tavares, anche il presidente John Elkann: "Nei momenti di difficoltà l'uomo sa ingegnarsi e trovare soluzioni nuove. L'auto lo ha già fatto, in passato. Come Stellantis abbiamo contribuito in questi 50 anni e contiamo di farlo anche per i prossimi 50 anni".

"I nostri marchi - aggiunge - sono pronti a raccogliere questa sfida e Torino e l'Italia giocano un ruolo centrale. Stellantis è pronta a affrontare le sfide di domani".

Sarà un grande viaggio, siamo pronti

"Siamo ottimisti sull'auto di domani - dice Tavares - per una mobilità libera, pulita, sicura e affidabile. Stellantis è pronta per il cambiamento. Abbiamo tecnologie, energia, stabilimenti e abbiamo il percorso adatto fa seguire in questo cammino. Sarà un grande cambiamento che noi siamo pronti a guidare".

"Sarà un viaggio grandioso, noi siamo tranquilli", conclude.

Sostenibilità ambientale e sociale insieme

"La sostenibilità ambientale deve essere a suo modo sostenibile - commenta Alberto Cirio, governatore del Piemonte -, per cui dobbiamo correre, ma tenendo insieme i pezzi del puzzle: dalla produzione al lavoro, passando per l'approvvigionamento delle materie prime". "Ma accanto alle auto - aggiunge - bisogna studiare anche le altre cause dell'inquinamento. Dal riscaldamento delle case all'agricoltura. Ci si muove con concretezza e pragmatismo, ma in una cornice di equilibrio. Altrimenti saltano aziende, lavoro e governi".

"Siamo in una congiuntura globale con un oggettivo cambiamento climatico - commenta Il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo - e dobbiamo porci correttamente a questa dimensione, garantendo sostenibilità sociale a quella ambientale".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium