/ Cronaca

Cronaca | 15 giugno 2024, 16:00

Boom di spaccate nella notte a Borgo Filadelfia: è ancora allarme sicurezza

Colpite le farmacie di via Tunisi e via Montevideo, oltre alla panetteria Becchio

Colpite le farmacie di via Tunisi e via Montevideo

Colpite le farmacie di via Tunisi e via Montevideo

Non si fermano le spaccate e i furti nella zona dello stadio Filadelfia. A essere colpite questa notte sono state le farmacie di via Montevideo e di via Tunisi.

Nella prima, la farmacia Sant’Eraldo, i malviventi hanno mandato in frantumi la vetrina. E' la seconda volta, nel giro di pochi mesi, che viene presi di mira questo esercizio commerciale con il medesimo modus operandi. 

Nella seconda, la Farmacia Gay, i ladri si sono introdotti sfondando la vetrina di sinistra: i titolari hanno tirato giù ora le serrande.

A finire anche nel mirino dei ladri la panetteria Becchio, di via Giordano Bruno, che affida il suo sfogo ad Instagram corredandolo con una foto della vetrina spaccata: "Non vogliamo le ronde. Vogliamo solo fare ancora parte di una città che non si gira dall'altra parte. Di una Torino che sia comunità e che chiami le forze dell'ordine: non possiamo scoprirlo sempre da soli, in un punto ad elevato passaggio".

Sicurezza al centro tavolo Circoscrizione 8

Due episodi che riportano l’attenzione sul tema sicurezza in Borgo Filadelfia, affrontato anche dall’ultimo tavolo della Circoscrizione 8. 

I precedenti

Nelle settimane e nei mesi passati, infatti, altri casi simili si sono verificati nel quartiere con spaccate che hanno coinvolto proprio le farmacie di via Montevideo e di piazza Galimberti.  Ma anche altri negozi sono stati assaltati.

Il degrado nella zona si sta mostrando anche con altri episodi. Risse, come quella che si è verificata con tanto di spargimento di sangue e accoltellamenti in via Tunisi, ma pure il ritrovamento di un ordigno composto da batterie di litio che ha rischiato di esplodere in maniera molto pericolosa nella zona delle case popolari, pochi isolati prima.

Tavolo per la sicurezza

“Abbiamo fatto un tavolo per la sicurezza per garantire qualcosa in più solo qualche giorno fa - conferma il coordinatore Dario Pera -. Continueremo a insistere per chiederne di più”

Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium