/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Completamente ristrutturato no arredato no posto auto con deposito in cortile interno termoautonomo ideale persone...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

PER NEGOZIO SITO AD ORBASSANO CERCASI LAVORANTE CON ESPERIENZA NEL SETTORE NO PERDITEMPO.

in Sardegna, Isola di Sant`Antioco, la proprietà si compone di quattro edifici, casa principale, dependance, casetta...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | sabato 07 ottobre 2017, 14:44

Unito e Wikimedia Italia per la promozione della cultura digitale libera

Libri, documenti e articoli del patrimonio bibliografico dell'Università di Torino disponobili sulle piattaforme Wiki

Il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne, insieme alla Direzione Ricerca e Terza missione dell'Università di Torino, in particolare alla Sezione Servizi Bibliografici Digitali, hanno siglato un accordo di collaborazione annuale con Wikimedia Italia, l'associazione che promuove in Italia la conoscenza libera e lo sviluppo dei progetti in lingua italiana della Wikimedia Foundation, primo fra tutti Wikipedia, l'enciclopedia libera e collaborativa.

L'accordo prevede la realizzazione di progetti per la ricerca e la didattica attraverso la valorizzazione di testi nel pubblico dominio. Saranno così resi accessibili per tutti su Wikisource, la biblioteca digitale libera connessa a Wikipedia, circa 50 libri fuori diritti e una raccolta di articoli di riviste provenienti dal patrimonio delle biblioteche UniTo e di altri istituti di cultura piemontesi che collaboreranno al progetto. I documenti saranno oggetto di attività che coinvolgeranno, oltre a bibliotecari e docenti, 10 studenti afferenti all'Università di Torino, tra quelli del percorso triennale e magistrale, borsisti, 150 ore e dottorandi.

Grazie al lavoro condotto sulle piattaforme Wikimedia, in collaborazione con la comunità di volontari attivi nell'associazione, i materiali documentari saranno resi disponibili on line per favorirne il riuso digitale.

Libri e articoli saranno rielaborati in formati più accessibili per il lettore e consultabili su dispositivi come ebook, tablet e smartphone. Le informazioni estratte dal team di ricerca a partire dai documenti, relative a più di 30 autori di rilievo per la storia culturale del Piemonte, entreranno a far parte di voci Wikipedia nuove o esistenti, e saranno registrate come open data su  Wikidata, la banca dati aperta e collaborativa connessa all'enciclopedia libera.

Il lavoro si integra all'interno del più ampio progetto di ricerca, promosso dal Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne e finanziato dalla Fondazione CRT nel 2016, 'Open Literature. Progetto di promozione della Cultura Digitale negli Studi Umanistici'.

La collaborazione - ha dichiarato la Prof.ssa Cristina Trinchero, referente dell'accordo per il Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne dell'Università di Torino - si inserisce nella direzione della divulgazione dei risultati della ricerca scientifica e dell'estensione della partecipazione di studenti e cittadini ai processi di elaborazione della ricerca accademica e della conoscenza digitale, in un'ottica di terza missione e promozione della cittadinanza digitale. Alla valorizzazione del patrimonio bibliografico di UniTo e di altre istituzioni piemontesi si aggiunge quindi anche l'arricchimento dei beni comuni della conoscenza e il miglioramento della qualità dell'informazione su Wikipedia. Il tutto è realizzato grazie a una fruttuosa sinergia tra personale docente/ricercatore e personale di biblioteca ai fini della costruzione della ricerca e a supporto di attività formative rivolte agli studenti”.

Siamo felici di poter collaborare con l'Università di Torino - ha aggiunto Maurizio Codogno, portavoce di Wikimedia Italia - e gli altri istituti di cultura piemontesi in questo progetto. Wikipedia può prosperare solo grazie alla disponibilità di fonti affidabili; ma sopratutto la scelta di digitalizzare I testi e collocarli su Wikisource permetterà a chiunque di avere un accesso non mediato alla conoscenza in essi contenuta”.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore