/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | sabato 02 giugno 2018, 18:07

Fuma Parei 2018 a Torino, uniti per la liberalizzazione della cannabis (FOTO E VIDEO)

Oggi, in Lungo Po Diaz, il presidio del Coordinamento per la Legalizzazione della Canapa: tra banchetti informativi, musica e allegria, l'appello dei presenti per la revisione delle leggi attualmente in vigore

 Uniti per la completa liberazione della cannabis e per il completo diritto al suo uso terapeutico, per tutti: la Fuma Parei ha cambiato pelle e, per l'edizione 2018, si è trasformata da corteo a presidio “di protesta e proposta” (in Lungo Po Diaz, sopra ai Murazzi e sotto la statua di Garibaldi, ndr), con la consueta regia del Coordinamento Piemontese Unitario per la Legalizzazione della Canapa, rete composta da persone, associazioni, partiti e sindacati.

Gli obiettivi del Coordinamento, fondato nel 2014, sono molteplici: liberalizzare la vendita di cannabis, opportunamente tassata, ai cittadini maggiorenni, depenalizzare la coltivazione per uso personale di canapa con THC superiore allo 0,2% equiparandola al possesso, incentivarne la coltivazione a uso medico, la discussione immediata di una legge di iniziativa popolare e la revisione della legge 309/90 per ridurre i danni delle sostanze vietate vendute sul mercato nero.

 Quella del 2 giugno verrà ricordata come una colorata giornata di festa, dove si è potuto stare insieme in un'atmosfera rilassata, ascoltare buona musica grazie ai set dei dj Dario Santoro, Moma, Charlie e ai live di Esma e Sinpaura, informarsi sugli usi della canapa e dei suoi derivati, acquistare prodotti di vario tipo ricavati dalla sua coltivazione (come dolciumi, abbigliamento, cosmetici...) e, naturalmente, fumare. Non potevano mancare le personalità della società civile e della politica come i medici Ugo Zamburru (Arci) e Silvio Viale (Radicali Italiani), quest'ultimo sempre presente con il banchetto del “Radical Cannabis Club”.

Tra i progetti più interessanti ci sono sicuramente quelli legati all'uso terapeutico della cannabis. Uno di questi è Hub del Medical Cannabis Club Torino : “Il nostro obiettivo – spiega il presidente Mirko Vaccarello - è quello di creare un poliambulatorio dove la persona possa essere seguita da un'equipe formata da diverse professionalità: essendo una sostanza psico-attiva, questa condizione è assolutamente necessaria. La nostra idea comprende anche una piattaforma web dove ricevere ed elaborare i dati anonimi dei pazienti, in modo da poter dare un aiuto concreto alla ricerca”. L'argomento è molto sentito e riceverà attenzione in un convegno in programma per l'8 giugno presso la Sala Antico Teatro di Via San Marino 10, promosso dall'APS Seminiamo Principi presieduta da Simone Stara.

 

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore