/ Scuola e formazione

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Con cucina, camera, sala e bagno. Balcone ampio lungo tutto l’appartamento. Posto auto chiuso da sbarra con apertura...

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | domenica 15 luglio 2018, 13:17

Imparare a domare i mercati nel lungo periodo? I manager tornano tra i banchi all'università di Torino

Nasce, unico in Italia, "Long termini investors@Unito", percorso di formazione sugli investimenti di lungo periodo pensato per chi già opera nel settore tra fondi pensione, assicurazioni e gestori finanziari

I manager tornano tra i banchi. Soprattutto quelli che si occupano per mestiere di investimenti e di prospettive di medio e lungo periodo. E lo possono fare grazie all'università di Torino, che tiene a battesimo - prima in Italia - un programma di formazione dedicato proprio allo studio e alla conoscenza degli scenari di lungo periodo. La cornice all'interno dei quali si muovono i cosiddetti "capitali pazienti", che cioè non prevedono risultati immediati, ma che hanno capacità di attesa. Specialmente perché diversificati. Dunque grandi fondi pensione, fondi di investimento o assicurazioni. Pazienti, ma non indenni da cambiamenti, rischi repentini e incertezza di scenari.

Tutto questo si chiama "Long term investors @UniTo" e sarà scandito da corsi sviluppati in sei blocchi su tre giorni al mese con l'ultimo dei tre sempre improntata alle case study, presso il Collegio Carlo Alberto. Da ottobre 2018 ad aprile 2019. Grandissimi i nomi degli esperti chiamati in veste di docente. Al timone di questa macchina così imponente, Elisa Luciano.

"È sempre più importante che l'investimento privato sostenga l'economia reale - dice Gianmaria Ajani, rettore dell'Università di Torino - e servono investimenti importanti e investitori saggi, con un'ottica pluriennale".

A sostenere questa iniziativa, non a caso, proprio alcune delle maggiori realtà del territorio che possono avere risorse da "formare" in quest'ottica: da Equiter a Reale Mutua, passando per Ersel, Intesa Sanpaolo, Fondaco e Compagnia di San Paolo.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore