/ Cronaca

Cronaca | 12 ottobre 2018, 12:20

No Tav contro giudice Minucci: "Non sia più assegnata ai nostri procedimenti"

Gli attivisti: "Oggi pene spropositate, nessuna logica per fatti secondari"

No Tav contro giudice Minucci: "Non sia più assegnata ai nostri procedimenti"

"Questo giudice che da anni commina pesanti condanne al Movimento No Tav e ai movimenti antagonisti pensiamo non abbia la predisposizione psicologica all'imparzialità". Cosí i referenti del Movimento No Tav, che dopo la sentenza di stamattina (16 condanne per gli scontri in Val Susa del giugno 2015) hanno attaccato il giudice del processo, Diamante Minucci.

"Chiederemo che non sia più assegnata ai procedimenti che ci riguardano", hanno aggiunto gli attivisti, che hanno definito le condanne di stamattina "assolutamente spropositate, 35 anni per fatti secondari non hanno alcuna logica".

Di tenore del tutto opposto il commento di Osvaldo Napoli, deputato di Forza Italia: "Non gioisco mai per le condanne ma da troppo tempo la Val Susa è in mano ad un manipolo di violenti che alterna cortei ad incursioni brutali, creando disagio agli abitanti. Non si deve più tollerare questa ondata di barbarie e violenze. Servono risposte forti come quella di oggi: carcere e pene adeguate alla condotta terroristica dei No Tav".

Marco Panzarella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium