/ Eventi

Eventi | 28 gennaio 2019, 14:02

A Torino il Salone della Csr e dell'innovazione sociale

12 tappe in 11 regioni per esplorare i territori della sostenibilità

A Torino il Salone della Csr e dell'innovazione sociale

La strada per costruire un futuro più sostenibile è ancora lunga, in particolare per l’Italia. Secondo il Rapporto ASviS 2018, fissando al 100% il pieno raggiungimento dei target dell’Agenda ONU per lo sviluppo sostenibile, mediamente le città italiane hanno raggiunto un valore pari al 53%.

Una fotografia che mostra quanto sia urgente diffondere la cultura della sostenibilità e far emergere le esperienze virtuose che pure ci sono nei territori del nostro Paese. A cominciare da quello piemontese, protagonista de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale che inaugura la sua settima edizione proprio a Torino, mercoledì 30 gennaio con un incontro all’Università degli Studi, Scuola di Economia e Management, Corso Unione Sovietica 218 bis. È la prima di 12 tappe in 11 regioni italiane, dal Piemonte alla Sicilia.

“Sono proprio i territori della sostenibilità che vogliamo mettere al centro del nostro percorso nel 2019, con la settima edizione de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale: da Torino a Catania per approdare poi a Milano per l’edizione nazionale l’1 e 2 ottobre all’Università Bocconi – spiega Rossella Sobrero, del Gruppo promotore dell’evento Il Salone sarà un viaggio lungo l’Italia alla scoperta di esperienze innovative e del territorio inteso come spazio fisico da preservare e valorizzare ma anche come spazio ideale da coltivare perché la sostenibilità diventi un valore per tutti. Per fare rotta verso un futuro più responsabile”.

Storie di sostenibilità in Piemonte, fra grandi imprese internazionali e realtà radicate sul territorio

Alla tappa di Torino del Salone le testimonianze dell’impegno per un futuro sostenibile vengono da organizzazioni molto diverse per dimensioni, comparto e tipologia di progetti.

GTT -  Gruppo Torinese Trasporti, ricorda i primati di Torino in Italia per quanto riguarda la mobilità sostenibile: la maggior offerta di tram in rapporto agli abitanti, con 221 tram e 7 linee per 200 km; la maggior flotta di bus elettrici, con 51 veicoli; la prima metropolitana automatica. Non solo: il 50% del trasporto urbano è gestito con veicoli a basso impatto ambientale (metro, tram, bus metano ed elettrici) e dal 1° gennaio 2018 l’intera fornitura di energia elettrica deriva da fonti rinnovabili al 100% e certificate. Un impegno che sarà rafforzato con il piano industriale 2018-2021, che prevede 331 bus urbani e 140 extraurbani, il potenziamento della rete tranviaria, il prolungamento della metropolitana (Lingotto-Bengasi).

Iren, una delle più importanti e dinamiche multiutility del panorama italiano, racconta l’esperienza dei Comitati Territoriali per la sostenibilità delle comunità. Si tratta di tavoli di lavoro il cui fine è progettare soluzioni per migliorare i servizi, la trasparenza, l’impatto ambientale e sociale per il territorio, raccogliere proposte e progetti dalla comunità e promuovere approfondimenti su tematiche di interesse condiviso. I Comitati Territoriali sono 5, a Genova, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Torino, e ciascuno dispone di un budget per realizzare progetti. Nel 2018 i Comitati promossi da Iren hanno visto la partecipazione di 95 enti e associazioni in 81 incontri e hanno realizzato 27 progetti, di cui 7 a Torino.

Forte legame col territorio è quello di Baladin, storica birreria nata a Piozzo (Cuneo) nel 1986 e trasformatasi dieci anni dopo in brewpub per la produzione e la vendita diretta di birra. L’impresa coltiva oggi 400 ettari orzo, ha attivato un’importante filiera agricola, organizza un mercato contadino, fa lavorare le persone del territorio verso il quale si pone come attore sociale che fa crescere l’economia e l’occupazione. Forte è anche l’impegno per la sostenibilità ambientale ad esempio con l’utilizzo di materiali riciclabili (fusti in PET) o compostabili (bicchieri), grazie anche all’impiego di innovazione tecnologica.  

PPG, Pittsburgh Plate Glass Company, opera da 135 anni nel business della  fornitura di vernici, smalti, rivestimenti e materiali speciali. In Piemonte ha dato vita nel 2018 con altre aziende all’Alessandria Sustainability Lab, network di imprese del territorio per l’Agenda 2030. Obiettivo: valorizzare i temi della sostenibilità, condividere idee e best practices, co-progettare azioni sostenibili comuni per un impatto positivo sul territorio. Fra i primi progetti concreti, il Community Day (supporto all’associazione onlus «Il Sole Dentro»),  giornate di prevenzione e salute per i dipendenti, Green Office, Bike to Work (Gruppo Amag).

Fra le organizzazioni presenti a Torino anche CNH Industrial. Leader globale nel campo dei capital goods, è stata confermata nel 2018 Industry Leader negli indici Dow Jones Sustainability per l’ottavo anno consecutivo. Il suo intervento al Salone si è focalizzato sul tema della gestione sostenibile dell’energia.

ASviS entra nel Gruppo Promotore de Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale

Fra le maggiori novità del Salone 2019 c’è l’ingresso di ASviS, Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile, nel Gruppo promotore del Salone, dove si affianca a Università Bocconi, CSR Manager Network, Global Compact Network Italia, Sodalitas, Unioncamere e Koinètica. Un attore ed una partnership importanti per il percorso che il Salone porta avanti verso gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. Fin dalla sua nascita nel 2016 ASviS è stata fra i “protagonisti” del Salone: entrando ora nel Gruppo Promotore contribuirà alla definizione dei contenuti del programma culturale e accompagnerà le tappe del Giro d’Italia della CSR.

6 i percorsi del Salone della CSR e dell’innovazione sociale 2019

Anche nel 2019 si parlerà degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030, che sono imprescindibili punti di riferimento. Nell’edizione nazionale del Salone, a Milano, il programma si articolerà in sei percorsi tematici: Alleanze collaborative, Immaginari inattesi, Contaminazioni culturali, Tecnologia e innovazione, Capitale umano e relazionale, Territori e capitale naturale. Un percorso sarà dedicato alla sostenibilità nella Pubblica Amministrazione.

Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale è un evento sostenibile

A seguito di un percorso di pianificazione, gestione e controllo, dal 2015 il Salone ottiene con Bureau Veritas Italia la certificazione ISO 20121, uno standard di gestione per l’organizzazione di eventi sostenibili.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium