/ Scuola e formazione

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | 03 febbraio 2019, 14:12

Cyberbullismo, pedopornografia e sextortion su minori: nel 2018 seguiti dalla Postale di Torino 14 casi

Il 5 febbraio nelle scuole di Torino, così come di altri 100 capoluoghi, il Safer Internet Day per insegnare ai ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre rischi

Cyberbullismo, pedopornografia e sextortion su minori: nel 2018 seguiti dalla Postale di Torino 14 casi

Nel 2018 sono stati 14 i casi di minorenni vittime di reati via web seguiti dalla Polizia Postale di Torino: in 11 i ragazzi/e avevano un’età compresa tra i 14 e i 17 anni, mentre in tre meno di 13 anni.  Nel 2017 erano stati 28, esattamente il doppio. I crimini commessi vanno dalla diffamazione online al cyberbullismo, dalla detenzione e diffusione di materiale pedopornografico fino alla sextortion (il malvivente si fa mandare foto osè e poi chiede soldi per non pubblicarle.)

I dati sono stati diffusi in occasione del  Safer Internet Day 2019, che quest’anno si terrà martedì 5 febbraio. La Polizia Postale, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, ha organizzato gruppi di lavoro e dibattiti sul tema del cyberbullismo presso alcune scuole di Torino.

Si tratterà di un’edizione speciale del progetto Una vita da social che prevede workshop in contemporanea il 5 febbraio presso le scuole di 100 capoluoghi di provincia italiani. La Polizia Postale incontrerà oltre 60.000 ragazzi con lo slogan “insieme per un internet migliore”.

L’obiettivo delle attività di prevenzione/informazione è insegnare ai ragazzi a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri, stimolando i ragazzi a costruire allo stesso tempo relazioni positive e significative con i propri coetanei anche nella sfera virtuale.

                La sensibilizzazione sui temi della sicurezza e dell’uso responsabile della rete è un impegno quotidiano della Polizia Postale e delle Comunicazioni e la collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, della Università e della Ricerca e l’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza è assolutamente determinante.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium