/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 14 maggio 2019, 17:18

Millecinquecento maghi incantano la Reggia di Venaria: al via la Masters of Magic World Convention

Dal 16 al 19 maggio i migliori artisti del mondo si ritroveranno per cento ore di spettacoli e workshop, con 50 eventi aperti al pubblico. In programma anche una conferenza di Arturo Brachetti per i 40 anni di carriera

Millecinquecento maghi incantano la Reggia di Venaria: al via la Masters of Magic World Convention

Cento ore ininterrotte di spettacoli, conferenze e workshop in cui la magia sarà protagonista in tutte le sue forme. Non un semplice congresso per addetti ai lavori, ma una vera e propria fucina di idee in cui i più celebri artisti a livello mondiale potranno confrontarsi e creare nuove performance. La Masters of Magic World Convention sbarca alla Reggia di Venaria dal 16 al 19 maggio, per la prima volta all'interno di uno storico edificio patrimonio UNESCO. E per di più nello stesso periodo della tradizionale "Festa delle Rose", che animerà il centro cittadino. 
Saranno circa 1500 gli illusionisti professionisti provenienti da tutto il mondo nella provincia di Torino, dopo le storiche edizioni a Saint Vincent. Un evento strutturato, "che nobilita l'arte millenaria della magia all'interno di una residenza reale", ha commentato il fondatore e presidente della Masters of Magic, Walter Rolfo, convogliando professionismo e live performance nell'aurea speciale di "Torino città magica".

Gli spettatori potranno assistere a 50 incontri in programma - novità assoluta per il congresso, di solito a porte chiuse -, nell'ottica della "trasparenza" e della condivisione emozionale. Il calendario include il Trofeo Victor Balli, uno dei premi internazionali più prestigiosi al mondo, che giudicherà gli sfidanti sulla base di abilità tecnica, presenza scenica, carisma, cura dei dettagli.

Ma non solo. La quattro giorni ospiterà anche la finale del Campionato italiano di Magia (15 maggio), che vedrà artisti selezionati nel corso dell'anno in tutte le città della penisola.  Immancabili, poi, gli Oscar della magia, le "Grolle d'Oro", consegnati quest'anno a Luis Piedrahita, Derek DelGaudio e Marco Tempest, l'illusionista collaboratore della Nasa che combina magia e tecnologia.

Collateralmente, Torino, il 18 e 19 maggio, accoglierà il Campionato del Mondo dei Street Magic. Il centro si trasformerà in un'arena a cielo aperto, dove dieci performer si sfideranno esibendosi, due volte nella stessa giornata, in piazza San Carlo, piazza Carlo Alberto, via Roma e via Buozzi.

L'evento conclusivo del congresso sarà il Gran Galà di Magia aperto al pubblico alla Reggia di Venaria, domenica 19, con ben sei repliche (due in più rispetto alle quattro inizialmente previste, per soddisfare la grande richiesta di pubblico).

"Ho immaginato il palcoscenico come il proseguimento della prospettiva della Citroneria", ha spiegato Alessandro Marrazzo, regista e show designer, reduce dal maestoso spettacolo di capodanno in piazza Castello, a Torino. "Mi piace sempre costruire dei concept nascosti, all'interno degli spettacoli: il 31 dicembre scorso era il castello di Hogwarts, per questo ho usato il cubo di Rubik. A tutto il meccanismo teorico aggiungo poi la spettacolarità e la contemporaneità, applicando un ritmo veloce, vorticoso, cui la gente ora, attraverso il web, è più abituata".

La Masters of Magic sarà infine un evento speciale anche per Arturo Brachetti, che festeggia 40 anni di carriera. "Vinsi il campionato a Saint Vincent nel '78 e iniziai a lavorare l'anno dopo, quando feci l'audizione con Macario", ha raccontato durante la presentazione odierna a Venaria. "Vorrei presentare in anteprima al convegno una conferenza sul trasformismo, da Zeus fino a me, sperando che quest'arte continui ancora per molti anni. Perché è insito nell'essere umano inventarsi sempre nuove vite, ne ha intimamente bisogno".

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium