/ Cronaca

Cronaca | 09 luglio 2019, 11:07

Caos scuole, presidio delle maestre piemontesi: “Sia garantita la continuità didattica per il bene nostro e dei bambini” (FOTO e VIDEO)

Da settembre migliaia di bambini potrebbero vedere cambiare le loro maestre e punti di riferimento: la protesta sotto l’ufficio Scolastico Regionale

Caos scuole, presidio delle maestre piemontesi: “Sia garantita la continuità didattica per il bene nostro e dei bambini” (FOTO e VIDEO)

Esplode la protesta delle maestre diplomate magistrali piemontesi.

Questa mattina decine di insegnati si sono ritrovate sotto l’Ufficio Scolastico Regionale per chiedere a gran voce di garantire loro e ai loro alunni la continuità didattica. A partire da settembre infatti, centinaia di maestre potrebbero essere costrette ad abbandonare le proprie classi per trasferirsi in altre scuole.

Le ragioni di questo corto circuito sono spiegate da Giulia Bertello, coordinatrice provinciale Cub Torino: “Molte di noi che sono già in ruolo ripasseranno di ruolo a concorso straordinario”. “A causa di questo - spiega la maestra Bertello - ci toccherà lasciare le nostre scuole perché le sedi messe a disposizione dal concorso non coincidono con quelle già occupate”. Di fatto, il problema coinvolge direttamente anche i bambini che a metà del loro percorso di formazione, rischiano di veder cambiare maestre e punti di riferimento.

“Noi vogliamo restare con le nostre classi, ci teniamo alla continuità didattica” spiega la coordinatrice Cub, che all’ufficio Scolastico Regionale porterà anche le istanze dei colleghi già licenziati e non entrati in graduatoria. Eppure, nonostante una situazione certamente complessa, una soluzione, secondo le maestre, ci sarebbe: fare come in Lombardia, dove è opzionare la propria sede di servizio e vedere così garantito il diritto alla continuità didattica.

“Con questo presidio richiediamo un’attenzione particolare per tutte le categorie di diplomati magistrali, che finora dal Governo hanno visto solo misure parziali e spesso contradditorie”.

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium