/ Cronaca

Cronaca | 20 agosto 2019, 16:28

Donna uccisa dal marito in corso Orbassano: il killer resta in carcere

Del Gaudio ha ucciso senza motivo, un raptus improvviso che non ha saputo spiegare al giudice. Nei prossimi giorni una perizia psichiatrica svelerà se l’uomo era capace di intendere e di volere

Donna uccisa dal marito in corso Orbassano: il killer resta in carcere

"Il suo unico desiderio in questo momento è morire, da quando è stato arrestato non gli viene somministrata la terapia e le condizioni di salute stanno peggiorando”. Così l’avvocato Riccardo Magarelli, legale difensore di Roberto Del Gaudio, il 65enne arrestato per l’omicidio della moglie Brigida De Maio, colpita due giorni fa con un attrezzo da falegname nell’abitazione di corso Orbassano in cui la coppia abitava.

Stamattina il gip ha convalidato l’arresto di Del Gaudio, che da tempo è seguito dai servizi di igiene mentale dell’Asl di via Gorizia. Dinanzi al giudice l’uomo ha ammesso le proprie colpe, ma non è stato capace di fornire un movente.

Quel pomeriggio il killer ha impugnato una sgorbia, attrezzo utilizzato in falegnameria, per togliersi la vita, ma poi ha cambiato idea e si è diretto verso la cucina, dove ha sorpreso la moglie intenta a preparare, colpendola più volte fino a ucciderla. Dopo circa due ore, il 65enne ha chiamato il 112 e si è consegnato alla polizia. 

A marzo la coppia aveva litigato e per sedare gli animi erano intervenute le forze dell’ordine, che però non avevano registrato alcun tipo di aggressione fisica. Da allora il silenzio, fino al raptus omicida. In passato Del Gaudio aveva lavorato per il Comune di Leinì, ma da dieci anni era inoccupato e percepiva una pensione di invalidità dovuta ai disturbi psichici.

La coppia non ha figli, mentre nello stesso palazzo abita la sorella della vittima, che si trovava in vacanza quando è avvenuta la tragedia. “In questa vicenda perdono tutti - spiega l’avvocato Magarelli -  un uomo che andava assistito in modo diverso e una donna innocente uccisa senza motivo, è la sconfitta dello Stato”. Ora Del Gaudio è rinchiuso al carcere di Torino, piantonato a vista dalla polizia penitenziaria per scongiurare il rischio suicidio.

Nei prossimi giorni, oltre all’autopsia sul corpo della vittima, è prevista una perizia psichiatrica sull’omicida, che confermerà se al momento del delitto l’uomo era capace di intendere e di volere.

Marco Panzarella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium