/ Eventi

Eventi | 12 ottobre 2019, 15:46

Al Teatro di Bosconero torna "Dissimilis"

Giobbe Covatta, Lella Costa e Alessandro Fullin tra i protagonisti della rassegna dedicata alla diversità, giunta alla terza edizione

Al Teatro di Bosconero torna "Dissimilis"

Gli anni passano, i grandi appuntamenti ritornano. Per la terza stagione consecutiva al Teatro di Bosconero andrà in scena Dissimilis, la rassegna che porta il grande teatro nel cuore del Canavese affrontando con il sorriso il tema della diversità.

Gli anni passano, i tempi cambiano: e proprio alle “mutazioni” legate allo scorrere del tempo è ispirato il ciclo di cinque spettacoli in programma dal 26 ottobre 2019 al 18 aprile 2020, sempre al sabato sera.

Si parte con un monumento della comicità napoletana, Giobbe Covatta, che con il suo spettacolo 6 gradi riflette su uno dei problemi più sentiti dalla contemporaneità: il riscaldamento globale. Sei gradi centigradi sono quelli che separano il Pianeta dall’estinzione di tutte le forme di vita. In un esilarante viaggio nel futuro Giobbe Covatta prova a immaginare i cambiamenti dell’umanità con un grado in più, con due in più e così via, in un crescendo di situazioni paradossali e di tentativi di rimediare agli errori compiuti dalle generazioni precedenti. 6 Gradi offre una panoramica stralunata del mondo di oggi, ma da uno sguardo diverso: quello dei nostri discendenti, che guarderanno alle nostre abitudini attuali con stupore e con una giustificata dose di risentimento.

Secondo appuntamento il 30 novembre con la più grande monologhista del nostro teatro: Lella Costa. Il tema del suo spettacolo Questioni di cuore è naturalmente l’amore, nelle varie forme assunte negli ultimi trent’anni di storia italiana. Lo spettacolo, infatti, è tratto dalle migliaia di lettere ricevute e pubblicate da Natalia Aspesi su Il Venerdì di Repubblica dagli anni Novanta ad oggi: una sconfinata miniera di spunti sulla coppia, sulla sessualità e sui sentimenti. La prospettiva, inutile sottolinearlo, è doppiamente femminile: da una parte lo sguardo tagliente e ironico di Lella Costa, dall’altra la penna inconfondibile della giornalista che ha recentemente festeggiato il suo novantesimo compleanno.

Il 15 febbraio l’attore e danzatore africano Al Hassane Kone, con lo spettacolo Due gocce nella polvere, porta in scena la sua storia. Una vita divisa in due tempi, proprio come le partite di calcio che sognava di giocare da bambino, in Guinea Conakry. Poi, a vent’anni, tutto sembra interrompersi: Al Hassane è costretto a fuggire dalla violenza, e a ricominciare daccapo. Il secondo tempo della vita è in Italia, tra difficoltà, nuove amicizie e nuovi traguardi, con il cuore proiettato verso il futuro e la memoria piena delle proprie radici. Due gocce nella polvere è uno spettacolo prodotto da Black Fabula, un collettivo di danzatori e attori richiedenti asilo politico ospiti del comune di Almese (TO), con la regia del pittore e artista performativo Beppe Gromi.

Un mirabolante viaggio nel tempo è quello in programma il 21 marzo con La Divina. Dopo il successo ottenuto nella scorsa edizione della rassegna con Piccole Gonne, Alessandro Fullin e la Compagnia NuoveForme portano a Bosconero lo spettacolo che ha divertito le platee dei maggiori teatri italiani.

La Divina Commedia, dopo tanti secoli, non è più il best seller di una volta. Dante-Fullin, per far fronte al calo delle vendite, torna all’Inferno per aggiornare la sua opera. Anche lì, però, molte cose sono cambiate… Una parodia irresistibile e folle, per riscoprire la meraviglia della narrazione dantesca senza mai smettere di ridere.

A chiudere la terza edizione di Dissimilis un importante debutto nazionale. L’attore e regista torinese Simone Faraon, già protagonista dell’applauditissimo Il Ritratto di Dorian Gray nell’ultima rassegna, porta in scena uno spettacolo che riflette su un tema centrale del nostro tempo: internet e i suoi pericoli. 13° Piano. Il lato oscuro del web è un viaggio appassionante alla scoperta dell’impatto che la rete, le fake news, il cyberbullismo e il dark web producono ogni giorno sulle nostre vite, profondamente mutate anche al di là della nostra consapevolezza.

Cinque appuntamenti di grande teatro, altrettanti punti di vista su una realtà in continuo mutamento. Un’occasione unica, anche in questa stagione, per conoscere da vicino alcuni dei protagonisti dello spettacolo e per rendere il teatro, anche in provincia, un’abitudine divertente e formativa.

L’ingresso a tutti gli spettacoli prevede un biglietto intero da 14 euro e uno ridotto a 12 euro, con varie formule di abbonamento a partire da 35 euro (3 spettacoli) fino a 65 euro (5 spettacoli con posto riservato in prima fila).


Dissimilis è organizzata da Musa Produzioni con il sostegno di Fondazione Piemonte dal Vivo, il patrocinio del Comune di Bosconero e la collaborazione organizzativa di “L’Officina dell’Arte”.

Al timone della rassegna, anche in questa edizione, Sergio Cavallaro, direttore artistico della Compagnia NuoveForme.

La compagnia, sempre più affermata sul panorama nazionale, anche quest’anno toccherà Torino nell’ambito della sua lunga tournée. Sarà infatti in scena al Teatro Gioiello dal 12 al 17 novembre con il nuovissimo Suore nella Tempesta. Lo spettacolo comprende nel suo cast, oltre ad Alessando Fullin che ne è anche autore e regista, comici del calibro di Diego Casale e Tiziana Catalano.

Per acquistare i biglietti in prevendita da quest’anno è possibile rivolgersi alla Libreria Colibrì di Cuorgné o a Infopiemonte in via Garibaldi a Torino. Online, sul circuito Vivaticket, è possibile acquistare anche gli abbonamenti al prezzo di 35 € (3 spettacoli) e 50 € (5 spettacoli)

Per informazioni è possibile rivolgersi al n. 329 4159802, alla mail biglietteria@nuoveforme.com o consultare il sito www.musaproduzioni.it

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium