/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 14 dicembre 2019, 18:58

Mercato del mattone: a Torino crescono i budget di chi vuole prendere casa, ma la maggioranza non va oltre i 120mila euro

Secondo la ricerca di Tecnocasa, la disponibilità economica sotto la Mole è in linea con Genova, Napoli, Palermo e Verona, ma resta inferiore a città come Roma o Milano, ma influiscono molto anche i prezzi di queste metropoli

Mercato del mattone: a Torino crescono i budget di chi vuole prendere casa, ma la maggioranza non va oltre i 120mila euro

Ancora segnali di vita dal mercato immobiliare, sia a livello locale che nazionale. Lo dice la nuova ricerca effettuata dall'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, che ha analizzato la disponibilità di spesa per l’acquisto della casa a Luglio 2019. C'è più voglia di spendere.

Rispetto a sei mesi fa si registrano dei cambiamenti in linea con il trend che sta intraprendendo il mercato immobiliare. Infatti, aumenta la percentuale di chi destina un capitale più elevato all’acquisto della casa, anche in seguito alla ripresa dei prezzi che sta interessando alcune grandi città. La maggiore concentrazione della disponibilità di spesa si rileva ancora nella fascia più bassa, fino a 119 mila euro (26,9%). Segue con  il 23,6%  la fascia tra 120 e 169 mila euro ed il 22,1% compresa tra 170 a 249 mila euro.

E a Torino, così come a Genova, Napoli, Palermo e Verona, la disponibilità di spesa resta concentrata nella fascia di spesa inferiore a 120 mila euro. In particolare, si tratta del 44,5%, mentre il 25,7% oscilla tra i 120 e i 170mila euro di budget. Il 15,8% dei potenziali compratori ha un budget che arriva a 250mila euro, mentre la forchetta pian piano si restringe con l'aumentare della disponibilità economica. Ma Torino tende comunque a rimanere sempre al di sopra del dato medio nazionale, mentre sopra i 170mila euro si colloca al di sotto delle altre grandi città italiane (Milano e Roma in particolare).

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium