/ Sanità

Sanità | 20 febbraio 2020, 11:23

Regina Margherita: videogiochi, cartoni e realtà virtuale come nuovi alleati contro la malattia per i piccoli pazienti

"Scuola e giochi in corsia" è l'iniziativa dedicata ai bambini affetti da leucemie e patologie ematologiche, in collaborazione con Amgen e Associazione Italiana Ematologia e Oncologia Pediatrica. Si punta ad alleggerire il periodo di ospedalizzazione con strumenti didattici e ricreativi

Regina Margherita: videogiochi, cartoni e realtà virtuale come nuovi alleati contro la malattia per i piccoli pazienti

Ipad, Kindle, WII Balance. E ancora cartoon e realtà virtuale. Arriva all'ospedale Regina Margherita di Torino l’iniziativa “Scuola e giochi in corsia”, messa a punto da Amgen, uno dei massimi operatori nel campo delle biotecnologie, in collaborazione con Aieop (Associazione Italiana Ematologia Oncologia Pediatrica): l'obiettivo è aiutare bambini ed adolescenti con leucemia o altre neoplasie, e quelli sottoposti a procedure di trapianto di cellule emopoietiche, ad affrontare il lungo percorso di ospedalizzazione grazie ad innovativi strumenti didattici e ludico ricreativi ed al supporto di insegnanti e psico-oncologi nei reparti. 

Si spazia così da giochi e realtà virtuale, cartoni animati proiettati sui muri delle stanze degli ospedali per ridurre stress e paura per la malattia e ancora palestre virtuali, attraverso l’utilizzo di WII Balance per i faticosi percorsi riabilitativi.

"All’interno del programma riveste un ruolo fondamentale il corpo docente presente in ospedale anche durante i periodi di vacanze scolastiche, ovvero quando l’isolamento si fa sentire ancora più forte", spiegano i responsabili dell'iniziativa. Iniziativa che, inoltre, prende in carico anche la sfera emotiva grazie al sostegno di psico-oncologi che possono alleviare le preoccupazioni dei bambini e delle loro famiglie. Infine, per piccoli stranieri o di altre religioni, è prevista anche la figura del Mediatore culturale che ha il compito di facilitare l’integrazione dei piccoli pazienti dal punto di vista linguistico, culturale e religioso.

Il Centro di Oncoematologia Pediatrica – ospedale Infantile Regina Margherita – Città della Salute di Torino (diretto dalla professoressa Franca Fagioli) - ha aderito a “Scuola e giochi in corsia”, scegliendo di potenziare i percorsi di prevenzione e trattamento riabilitativo delle complicanze motorie correlate alla leucemia ed all’iter di cure, attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie, con l’obiettivo di migliorare l’aderenza di bambini ed adolescenti alle varie proposte di trattamento. 


“Scuola e giochi in corsia” coinvolge, oltre a Torino, altri centri AIEOP, tra cui quello di Trieste, Monza, Padova, Genova, Bologna, Napoli, Bari e Roma e verrà presto esteso ad altre pediatrie italiane.

“Il cambio di prospettiva alla base dell’iniziativa - sottolinea Marco Zecca, presidente AIEOP - è quella di considerare chi è ammalato di leucemia e viene sottoposto a chemioterapia non come un paziente bensì come un bambino o un adolescente che ha bisogno oltre che di cure mediche all’avanguardia anche di un’assistenza a 360 gradi che presti attenzione agli aspetti psicologici, ludico-ricreativi e didattici, considerandolo dunque nella sua interezza”.

Ogni anno in Italia si ammalano di tumore circa 1500 bambini di età compresa tra 0 e 14 anni e circa 800 adolescenti con un’età compresa tra 15 e 18 anni. I tumori pediatrici più comuni sono ematologici e, tra questi, le leucemie acute sono circa 500, di cui i casi di Leucemia Linfoblastica Acuta (LLA) sono circa 400 l’anno, rappresentando quasi l’80% delle leucemie fino ai 15 anni. Il Centro di Oncoematologia Pediatrica – ospedale Infantile Regina Margherita – Città della Salute di Torino - rappresenta il Centro di riferimento per le regioni Piemonte e Valle d’Aosta e diagnostica ogni anno circa 150 nuovi casi oncologici in pazienti con età interiore ai 18 anni; di questi, circa 35 nuovi casi sono leucemie linfoblastiche acute (LLA), che rappresentano come noto la neoplasia più frequente in età pediatrica.

"La terapia standard della LLA è rappresentata dalla chemioterapia che, in questi ultimi anni, è andata incontro a numerosi cambiamenti - spiega la professoressa Fagioli, direttore del Centro di Oncoematologia Pediatrica – ospedale Infantile Regina Margherita – Città della Salute di Torino –. Esiste comunque una percentuale di pazienti che non riesce ad ottenere il controllo a lungo termine della malattia: un approccio innovativo è rappresentato dall’immunoterapia basata sull’utilizzo di anticorpi monoclonali. Quelli bispecifici hanno un rivoluzionario meccanismo di azione perché riescono a legarsi a due target contemporaneamente. Il Blinatumomab è il primo anticorpo bispecifico approvato in oncologia che stimola le cellule T a riconoscere le cellule maligne ed a distruggerle ed è attualmente utilizzato sia nei pazienti in prima linea ad alto rischio di recidiva sia in caso di refrattarietà o recidiva di malattia come terapia a ponte per il trapianto di cellule staminali emopoietiche”.

“Programmi come “Scuola e giochi in corsia” – dichiara Maria Luce Vegna, direttore Medico di Amgen Italia - sono pienamente coerenti con la visione di Amgen che, a partire dalla ricerca e sviluppo di nuove terapie, si impegna ad offrire risposte efficaci sia sul profilo strettamente terapeutico, sia in termini di qualità di vita dei pazienti. Nel caso dei bambini affetti da patologie onco-ematologiche il programma, messo a punto con AIEOP, abbraccia importanti esigenze dei piccoli pazienti lungo degenti, nell’ottica di una efficace umanizzazione delle cure”.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium