/ Cronaca

Cronaca | 21 febbraio 2020, 20:12

Amnesty International in piazza a Torino per Patrick George Zaky: “Liberatelo subito”

Manifestazione e presidio di solidarietà sotto il Comune di Torino: i torinesi chiedono la liberazione del giovane incarcerato in Egitto

Amnesty International in piazza a Torino per Patrick George Zaky: “Liberatelo subito”

Torino scende in piazza per Patrick George Zaky, attivista per i diritti umani e studente arrestato il 7 febbraio all’aeroporto del Cairo.

Una cinquantina di manifestanti di Amnesty International ha organizzato un presidio in piazza Palazzo di Città per chiedere l’immediata liberazione dello studente egiziano, in stanza a Bologna per il master e ora detenuto in Egitto. "Patrick è stato bendato e ammanettato durante le 17 ore del suo interrogatorio relativo al lavoro che svolge in materia di diritti umani e allo scopo della sua residenza in Italia". Da quel momento, i pubblici ministeri ne hanno ordinato la detenzione per 15 giorni. Da qui le motivazioni della protesta di chi da sempre scende in campo per la tutela dei diritti umani.

"È assolutamente inconcepibile che oggi come oggi un ragazzo venga detenuto e torturato per motivi di opinione", spiegano gli attivisti di Amnesty International Torino. "Nel 1961 Amnesty nacque per questi motivi: per difendere due ragazzi portoghesi perseguiti per differenze di opinione".

In piazza con gli attivisti di Amnesty anche Marco Giusta, assessore alle Pari Opportunità e ai Diritti del Comune di Torino: "Condivido la richiesta di Patrick libero subito e ringrazio Amnesty International per l’attenzione portata su un tema così importante e delicato".

Intanto, solo qualche giorno fa, i giudici egiziani hanno rigettato la richiesta di scarcerazione e confermato la detenzione per Patrick George Zaky che tornerà in tribunale il 22 febbraio.  Oltre all’appello, il presidio è servito per invitare ai passanti di partecipare alla raccolta firme per chiedere "Libertà per Patrick".

Andrea Parisotto

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium