/ Cronaca

Cronaca | 24 novembre 2019, 10:13

Chiedeva a un commerciante tassi di interesse fino al 95%: arrestato per estorsione e usura

Dal 2014 a oggi, la vittima ha consegnato la somma di 130mila euro a fronte di un debito di 40mila euro

Chiedeva a un commerciante tassi di interesse fino al 95%: arrestato per estorsione e usura

Gli aveva prestato del denaro approfittando di un momento di difficoltà economica, ma pretendeva tassi di interessi che potevano arrivare anche al 95%. I carabinieri della Compagnia Torino Oltre Dora hanno arrestato un italiano di 68 anni per estorsione e usura.

Un commerciante in gravi difficoltà economiche si era rivolto a un usuario per far fronte ai propri debiti. Dal 2014 a oggi, la vittima ha consegnato la somma di 130mila euro a fronte di un debito di 40mila euro, pari a un tasso d’interesse di oltre il 95%. Estenuato dalle continue pressioni psicologiche e minacce verbali, un commerciante si è rivolto ai carabinieri per denunciare il proprio aguzzino dopo 5 anni di calvario. L’uomo, titolare di un negozio di alimentari a Torino, ha raccontato che a un certo punto della sua vita, precisamente dal mese di Luglio 2014, si era trovato nella situazione di non potere pagare i suoi fornitori.  Per tale ragione si era rivolto a un suo cliente, rivelatosi un usuraio professionista, per coprire le spese ed evitare di chiudere la propria attività.

La vittima ha iniziato con un prestito iniziale di 4mila euro fino a raggiungere la somma di 40mila euro. Dal 2014 a oggi, il negoziante ha consegnato all’usuraio 42 rate per un importo pari a circa 130mila euro. Parliamo di un tasso d’interesse del 94,28%.  Nell’ultimo periodo, la vittima non è più riuscita a pagare tutte le rate e il suo aguzzino ha fatto la spesa gratis nel suo negozio.

All’ultima consegna di denaro c’erano anche i carabinieri che hanno arrestato lo strozzino dopo aver ricevuto 250 euro dalla vittima. 

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium