/ Attualità

Attualità | 14 gennaio 2020, 17:46

Coldiretti Piemonte, smog: "Ok stop auto ma servono interventi strutturali”

Bene bonus verde che prevede detrazioni del 36% per la cura di terrazzi e giardini, sia privati sia condominiali

Coldiretti Piemonte, smog: "Ok stop auto ma servono interventi strutturali”

Più di sette italiani su dieci (72%) sono disposti a rinunciare o a ridurre drasticamente l’utilizzo dell’auto per tutelare l’ambiente, diminuire il livello di inquinamento nelle città e migliorare la qualità della vita. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ diffusa in occasione dell’allargarsi dell’emergenza smog con lo stop diffuso in molti capoluoghi da Roma, dove scatta il blocco alla circolazione per tutti i veicoli diesel a Torino fino all’Emilia Romagna. Ancora una settimana da bollino rosso per lo smog a Torino, infatti, dove le limitazioni del traffico in vigore in questi giorni sono state confermate fino a giovedì 16 gennaio compreso.

A favorire lo smog nelle città è un inverno senza pioggia, con l’ultimo mese di dicembre che è risultato il secondo più caldo dal 1800 e una temperatura superiore addirittura di 1,9 gradi rispetto alla media del periodo di riferimento 1981-2010, combinato al traffico e alla ridotta disponibilità di spazi verdi che concorrono a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi.

“A Torino ogni abitante dispone  di appena 22 metri quadrati di verde urbano e questo problema è diffuso soprattutto nelle metropoli del nord Italia a causa delle sempre più scarse piogge – spiegano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -. Assistiamo ormai da tempo ai continui cambiamenti climatici per cui non possiamo più rincorrere solo le emergenze, ma bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato che concorre a combattere le polveri sottili e gli inquinanti gassosi. Una pianta adulta, infatti, è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno. In questo contesto è positiva la conferma il manovra per il 2019 del bonus verde fortemente sostenuta dalla Coldiretti – continuano Moncalvo e Rivarossa - che prevede detrazioni del 36% per la cura di terrazzi e giardini, sia privati sia condominiali. Oltretutto offre anche un importante sostegno al settore florovivaistico Made in Piemonte che genera una produzione lorda vendibile di oltre 130 milioni di euro di cui con più di 1100 imprese diffuse sul territorio, una superficie complessiva di 1300 ettari, una produzione di piante ornamentali di oltre 10 milioni ed un totale di circa 3500 addetti”.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium