/ Cronaca

Cronaca | 13 aprile 2020, 14:07

Pasquetta, il silenzio assordante dei parchi torinesi: niente picnic alla Colletta, in piazza D'Armi e alla Pellerina (FOTO e VIDEO)

Sembrano aver sortito gli effetti sperati, dunque, divieti, sanzioni e raccomandazioni imposte a più livelli dalle istituzioni: i prati, solitamente brulicanti di vita, sono vuoti

Pasquetta, il silenzio assordante dei parchi torinesi: niente picnic alla Colletta, in piazza D'Armi e alla Pellerina (FOTO e VIDEO)

E’ un silenzio che fa grande rumore quello che avvolge i parchi torinesi nella Pasquetta stravolta dal Coronavirus. Dalla Pellerina alla Colletta, passando per piazza D’Armi e altre aree verde della città, mai in una giornata di festa i prati si erano mostrati così vuoti.

Alla Pellerina, solitamente presa d’assalto dai merenderos, gli unici suoni che si sentono distintamente sono quelli del vento e degli animali che popolano il parco. A interromperli, ciclicamente, i motori delle moto della polizia municipale o delle auto dei carabinieri, impegnati a pattugliare l’area per individuare eventuali trasgressori all’ordinanza regionale che vieta spostamenti non necessari e l’utilizzo dei parchi.

Nonostante l’ampiezza del parco, gli ingressi sono sbarrati da un nastro isolante bianco e rosso dal significato inequivocabile: vietato l’ingresso. Il risultato? Ettari di verde insolitamente deserti.

Altra zona di Torino, stesso copione: la Colletta, in quasi quarant'anni di storia, forse non si era mai vista così. Anche qui il silenzio assordante che avvolge uno dei polmoni verdi di Torino è spezzato solamente dallo scroscio dell'acqua della Dora e dai canti degli uccelli. Il parco è malinconicamente svuotato di appassionati di pic-nic e barbecue post pasquali (il progetto per l'area attrezzata sperimentale era stato realizzato appena un anno fa, ndr), runner, ciclisti, sportivi vari e semplici cittadini alla ricerca di un po' di pace dal caos cittadino che non c'è.

Sembrano aver sortito gli effetti sperati, dunque, divieti, sanzioni e raccomandazioni imposte a più livelli dalle istituzioni. A questi si sono aggiunti, come ampiamente preventivato, controlli e posti di blocco situati agli ingressi principali, con due pattuglie di poliziotti a presidiare via Varano e altrettante dei vigili sul viale principale di Lungo Dora Colletta.

In piazza D’Armi, uno dei luoghi preferiti per una passeggiata, giochi nei prati e momenti di relax, non vi è spazio per un pallone che corre o rimbalza nel campetto da basket. Anche in questo caso a vincere è il rigore, il rispetto delle regole da parte dei cittadini.

La vista sui prati, solitamente brulicanti di vita, è quanto di più desolante osservato nella storia contemporanea di Torino: uno spettacolo triste, ma paradossalmente necessario. Solo così, un domani, la città riuscirà a risollevarsi dall’emergenza e tornare così alla tanto agognata normalità.

Marco Berton e Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium