/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 05 maggio 2020, 17:41

La Consulta sulla Cultura di Pinerolo: «Era prudente rinviare la decisione su Corelli e Musei civici»

I componenti dell’organismo lamentano di non essere coinvolti dalla politica e annunciano le dimissioni

La Consulta sulla Cultura di Pinerolo: «Era prudente rinviare la decisione su Corelli e Musei civici»

La Consulta sulla Cultura del Comune di Pinerolo si schiera per un rinvio dei bandi sulla futura gestione del Corelli e dei Musei civici. Contestualmente annuncia l’intenzione dei componenti di dimettersi in blocco.

Il presidente Demis Pascal e gli altri membri (Andrea Balbo, Elena Lucrezia Comba, Ezio Giaj, Alessandra Picco, Davide Rosso e Federico Vallillo) hanno inviato una nota sulla questione che ha fatto discutere di più negli ultimi giorni, in campo culturale.
La Consulta spiega di non essersi pronunciata sull’argomento perché nessuno glielo ha chiesto e si limita a una considerazione, cioè che sarebbe stato prudente un rinvio con scadenza definita dei nuovi bandi «per consentire valutazioni maggiormente condivise circa rischi e benefici che deriveranno da ipotesi sulla futura gestione».

Nella nota, i componenti tirano le orecchie sia alla maggioranza che all’opposizione, contestando lo scarso coinvolgimento da parte della politica: «Si tratta di un nodo che viene al pettine e che porta a concludere che la Consulta quale strumento di partecipazione alle scelte culturali non pare essere considerata un interlocutore privilegiato come in realtà dovrebbe essere».

Dal canto suo l’assessore alla Cultura Martino Laurenti ammette di aver presentato la questione Corelli e Musei civici in qualche occasione, ma di non aver approfondito il tema con lei e rivela che sarebbe opportuno rimettere mano al regolamento sulla Partecipazione, che ha curato sin dall’inizio: «Ci sono cose da rivedere, anche per il funzionamento delle Consulte. Non so però quanto sia fattibile farlo adesso, quando tra un anno si vota oppure sia più opportuno fare una sorta di relazione con delle proposte da consegnare alla futura Amministrazione».

Vista la scarsa considerazione che hanno constatato di avere, i componenti dell’organismo hanno annunciato che porteranno a termine la ricerca intrapresa sui bisogni delle realtà culturali cittadine e poi daranno le loro dimissioni. 

Marco Bertello

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium