/ Cronaca

Cronaca | 18 giugno 2020, 19:00

La movida va a letto più tardi e si allarga a tutta Torino: locali aperti fino alle 2, stop all'asporto alle 21

Per i trasgressori sono previste multe da 400 euro a mille euro. Prevista inoltre per venerdì e sabato la pedonalizzazione temporanea di Lungo Po Cadorna

La movida va a letto più tardi e si allarga a tutta Torino: locali aperti fino alle 2, stop all'asporto alle 21

Locali notturni aperti fino alle due di notte e alcol da asporto in vendita fino alle 21, ma limiti orari estesi a tutta Torino. Sono queste le novità contenute nell’ordinanza firmata dalla sindaca Chiara Appendino, per i prossimi due weekend di movida post lockdown.

Il provvedimento della prima cittadina stabilisce infatti che per domani e sabato, così come per San Giovanni (23-24 giugno), venerdì 26 giugno e sabato 27 giugno ristoranti e bar possano servire i clienti fino alle due di notte. Un’ora in più rispetto all’attuale limite dell’una, fissato dalla Regione Piemonte.

Maglie più larghe anche per gli alcolici da asporto. Supermercati, bangla e negozi potranno vendere vino e birra non da consumare in loco fino alle 21. Discorso analogo per i distributori automatici, che dopo tale orario non potranno più erogare bevande alcoliche di qualsiasi gradazione. Per i trasgressori sono previste multe da 400 euro a mille euro.

Altra novità riguarda l’estensione delle misure contro la malamovida a tutta Torino, nell'ambito dei provvedimenti contro il Covid. Le ordinanze precedenti imponevano dei limiti solo nella zone più “calde” a rischio assembramento come piazza Vittorio-centro città, San Salvario vecchia e nuova (corso Dante), Vanchiglia, Aurora e corso Giulio Cesare.

Con un'altra ordinanza la sindaca Appendino ha previsto la pedonalizzazione temporanea di Lungo Po Cadorna. Nello specifico venerdì e sabato notte (dalle 18 alle 2) - tra corso San Maurizio e piazza Vittorio - saranno vietate la circolazione e la sosta delle auto.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium