/ Cronaca

Cronaca | 11 luglio 2020, 12:34

Truffe assicurative a Torino, denunciati due ragazzi di 24 e 26 anni

Entrambi residenti in Campania, vengono denunciati in stato di libertà per sostituzione di persona, falso in atto privato e tentata truffa

Truffe assicurative a Torino, denunciati due ragazzi di 24 e 26 anni

Due persone sono state denunciate della polizia di Torino per truffe assicurative. I fatti risalgono a fine aprile, quando il titolare di un’agenzia di pratiche auto riceve una telefonata da una compagnia di assicurazioni in merito a una voltura di un’autovettura effettuata in quell’agenzia. Il titolare non solo nega di aver effettuato la pratica ma, una volta visionato il certificato, verifica che il documento non è genuino. Il documento, inoltre, indica come nuovo proprietario, dopo svariati passaggi di proprietà, una persona residente in Lombardia. La compagnia di assicurazione decide quindi di non rilasciare copertura assicurativa.

Dopo la denuncia presentata dal titolare dell’agenzia, gli agenti del Commissariato Dora Vanchiglia conducono una serie di accertamenti scoprendo che la persona residente in Lombardia era vittima di una sostituzione di persona, non essendo in possesso di alcun veicolo di proprietà associato a quella targa e non avendo stipulato nessun contratto di assicurazione per quell’auto. Tra l’altro l’uomo segnala di aver denunciato lo smarrimento dei suoi documenti lo scorso anno.

I poliziotti, inoltre, appurano che nel frattempo il veicolo in questione, sempre con le generalità della vittima residente nel bresciano, era stato assicurato con un’altra compagnia.

Le successive indagini permettono ai poliziotti di riscontrare che il bonifico era stato effettuato da una cittadina italiana di 26 anni, con precedenti di polizia specifici, e che l’intestatario del veicolo era un ventiquattrenne italiano.

Alla luce dei fatti, questi ultimi, entrambi residenti in Campania, vengono denunciati in stato di libertà per sostituzione di persona, falso in atto privato e tentata truffa.

È in corso ulteriore attività di indagine tesa ad accertare la presenza di altri casi analoghi a quello portato alla luce dal commissariato Dora Vanchiglia.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium