/ Politica

Politica | 01 dicembre 2020, 13:24

Teatro Regio, siglato l'accordo sindacale. Appendino: “Rispettate la dignità dei lavoratori e le esigenze di risanamento dell’ente”

La sindaca e l'assessore alla Cultura, Leon: "Segnato un momento importante per il presente e il futuro dell’ente lirico torinese”. I lavoratori in Assemblea Plenaria, oggi si sono espressi con il 77,3% dei voti favorevoli

Teatro Regio, siglato l'accordo sindacale. Appendino: “Rispettate la dignità dei lavoratori e le esigenze di risanamento dell’ente”

L’accordo siglato tra le organizzazioni sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil, Fials-Cisal e la Fondazione Teatro Regio “segna un momento importante per il presente e il futuro dell’ente lirico torinese”. Lo dichiarano la sindaca Chiara Appendino e l’assessora alla Cultura, Francesca Leon, a commento dell’accordo siglato da organizzazioni sindacali, commissario straordinario e direttore generale del Teatro Regio.

Un’intesa raggiunta attraverso una contrattazione condotta nel segno della consapevolezza e della responsabilità, che ha visto impegnate tutte le componenti del Teatro.

L’accordo prevede, a fronte di un dichiarato esubero di figure professionali con contratti a tempo determinato in scadenza, di salvaguardare la maggior parte di essi con formule che prevedono l’utilizzo di ammortizzatori sociali e di utilizzo del part-time. Per i lavoratori i cui contratti scadono alla fine dell’anno e per i quali non è possibile un rinnovo, è stato predisposto un bacino di compensazione dal quale il Teatro attingerà prioritariamente nel momento in cui riprenderà la produzione artistica convenzionale.

Per quanto concerne l’Orchestra e il Coro verranno predisposti bandi di concorso utili alla dotazione organica necessaria alla produzione artistica.
Tale impostazione, contestualizzata nel momento storico che vede la chiusura dei teatri e dei luoghi di produzione culturale, unito alla situazione di commissariamento, risulta essere molto riguardosa e orientata a un approccio innovativo nell’ambito delle Fondazioni Lirico Sinfoniche del Paese.

Le organizzazioni Sindacali si esprimono positivamente per questo confronto molto articolato e difficile, risultato di un percorso comune intrapreso insieme ai lavoratori e con la Direzione della Fondazione Teatro Regio di Torino. I lavoratori in Assemblea Plenaria, oggi si sono espressi con il 77,3% dei voti favorevoli, l’8,4% non favorevole e il 14,3% si è astenuto.

"Il nostro ringraziamento va ai lavoratori e alle lavoratrici del Teatro Regio, alle organizzazioni sindacali, al commissario straordinario Rosanna Purchia e al direttore generale Guido Mulé – dichiarano Appendino e Leon - che sono riusciti a condividere un percorso difficile e delicato e a individuare una soluzione che ha consentito di coniugare il rispetto della dignità dei lavoratori e le necessità del piano di risanamento dell’ente".

"L'accordo che salvaguarda i lavoratori precari del Teatro Regio - ha commentato la deputata di Italia Viva Silvia Fregolent - è una buona notizia che cerca di tutelare musicisti e professionisti, e consente di coniugare, almeno in parte, i livelli occupazionali con la sostenibilità economica dell’ente. Quello che occorre ora è una ripresa graduale ed in sicurezza degli spettacoli: sicuramente i teatri lirici sinfonici, per tipologia di rappresentazioni e target di pubblico, sono tra le manifestazioni dal vivo che possono essere allestite con minori rischi per la salute pubblica".

 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium