/ Cronaca

Cronaca | 20 gennaio 2021, 10:47

Ridotta "in schiavitù" dal marito da due anni: vive in cantina e chiede l'elemosina per mangiare

I carabinieri hanno arrestato un 56enne di Chieri con l'accusa di maltrattamenti in famiglia: ieri sera, da ubriaco, l'ultima aggressione violenta

Donna che si protegge il viso con le mani

Una donna di Chieri era costretta a vivere in cantina e chiedere l'elemosina per mangiare

L'aveva letteralmente ridotta in schiavitù: costretta a dormire in cantina e a chiedere l'elemosina, pur di mangiare qualcosa. Una storia ai limiti dell'incredibile, ma che ormai andava avanti da tempo, nella zona di Chieri, fino a quando i carabinieri sono intervenuti per arrestare un marito violento, di 56 anni, accusato di maltrattamenti in famiglia.

Ieri sera l’uomo è rincasato ubriaco e, senza alcun motivo, ha iniziato ad aggredire verbalmente e fisicamente la moglie, lanciando vestiti e mobili dal balcone dell’abitazione. La donna l’ha supplicato di smettere, ma lui le ha urlato contro frasi offensive e minacce di morte, prima di colpirla con un calcio al costato. A questo punto la vittima è riuscita a rifugiarsi a casa della vicina, che ha chiamato il 112.

All’arrivo dei militari della Compagnia di Chieri, l’uomo ha tentato di aggredirli ma è stato immediatamente immobilizzato. La signora è stata medicata in ospedale e, subito dopo, in sede di denuncia, ha raccontato di essere in balia del marito violento da due anni e di essere stata costretta più volte a dormire in cantina per punizione e a chiedere l’elemosina per poter portare un pasto a casa.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium