/ Politica

Politica | 19 febbraio 2021, 18:19

Appendino verso la fine del mandato: "Non mi ricandido, non cambio idea. Cosa farei diversamente? Commissarierei il Regio da subito"

La sindaca ha risposto su Facebook alle domande degli utenti. Su Esselunga di corso Bramante spiega: "Stiamo facendo verifiche tecniche, la prossima settimana decideremo cosa fare". E sui battelli sul Po: "Speriamo di usare il Recovery fund"

Chiara Appendino

La sindaca Chiara Appendino

"La scelta è stata presa e non intendo cambiare la mia decisione. Ma continuerò a impegnarmi per la mia città e per farlo non bisogna avere per forza un ruolo politico all'interno di un'istituzione. La politica si fa in tanti modi e io continuerò comunque a onorare il mio ruolo fino all'ultimo giorno". Chiara Appendino non torna indietro e lo ribadisce durante una diretta Facebook in cui tocca molti temi delicati e decisamente legati all'attualità.

 

"In quattro anni e mezzo ce l'ho messa tutta"

Fa anche un bilancio di quanto fatto, fin qui. "In questi quattro anni e mezzo ce l'ho messa tutta e soprattutto sui diritti sono molto orgogliosa dei risultati che abbiamo ottenuto, ma anche sull'innovazione e non solo". Non tutto è stato rose e fiori, però: "Ci sono cose che potrei fare diversamente, tornassi indietro: per esempio il Teatro Regio, avrei dovuto commissariarlo dal primo giorno, visto che è una situazione molto complessa".

L'attualità, ovviamente, oggi fa rima con pandemia. "Il presidente Cirio ha confermato che anche per la prossima settimana saremo zona Gialla ed è una buona notizia, anche se l'emergenza è ancora in corso, anche alla luce delle varianti che stanno emergendo e l'attenzione deve rimanere alta. I vaccini restano un momento fondamentale, per tornare ad acquisire un po' di normalità nella nostra vita di tutti i giorni. Non tutti purtroppo siamo uguali davanti alla pandemia e proprio per questo lavoriamo a fondo con Torino Solidale, oltre a impegnarci su situazioni come la lotta agli sfratti". 

I casi spinosi, dall'Esselunga di corso Traiano al Governo Draghi

Ma parla anche di una delle grane più recenti con cui deve confrontarsi il Comune: l'Esselunga di corso Bramante, bloccata dal Consiglio di Stato. "Stiamo facendo approfondimenti tecnici, il cantiere era già partito con molte opere connesse. Appena avremo elementi, già la prossima settimana, comunicheremo le novità".

Sul fronte dei trasporti pubblici sono settanta i nuovi tram in arrivo. "Ne siamo molto orgogliosi, anche se per ogni tram servono due anni e mezzo per poterli adattare alla nostra rete tramviaria. Saranno gialli e blu, come i colori della nostra città". E tra questi trasporti, anche i battelli sul Po: "Gtt ha dato incarico alla progettazione di nuovi modelli elettrici e non inquinanti: speriamo sia uno dei progetti per i quali ottenere i fondi del Recovery fund".

Sul governo Draghi: "Su Rousseau ho dato la mia opinione e ho detto che era necessario per una forza di governo come la nostra, con temi identitari, rimanere all'interno di un governo in cui si può far sentire la propria voce. Mi spiace molto per Giuseppe Conte, quel governo ha portato a casa risultati importanti in un momento difficilissimo come quello della pandemia". E fa un appello: "Mettete le città al centro, soprattutto per il Recovery fund. Così si arriva direttamente alle realtà locali".

M.Sci

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium