/ Politica

Politica | 02 marzo 2021, 13:25

Tav, Valle porta in Consiglio regionale il "nodo" del cantiere di Susa. Gabusi: "La competenza è dello Stato"

All'attenzione di Valle, in particolare, la ripartizione dell’area di cantiere dedicata alla gestione dello smarino (il materiale proveniente da opere di scavo) e di produzione di conci dal cantiere Telt del tunnel di base

Carotaggi al tunnel di base del Tav a Chiomonte, lavori in corso

Cantiere del Tav Torino-Lione

"Lo spostamento a Susa di una parte dell’area di cantiere del Tav richiede un’approfondita revisione progettuale attraverso la compiuta formalizzazione di una nuova variante da sottoporre a una Valutazione di Impatto Ambientale (Via)? Oppure è sufficiente l’approvazione del Progetto di Variante formalizzata dal Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica (Cipe) nel 2018?". Se lo è chiesto questa mattina in Consiglio regionale Daniele Valle (Pd), che ha rivolto su questo tema un'interrogazione all'assessore alle Opere Pubbliche Marco Gabusi.

All'attenzione di Valle, in particolare, la ripartizione dell’area di cantiere dedicata alla gestione dello smarino (il materiale di risulta proveniente da opere di scavo) e di produzione di conci dal cantiere Telt del tunnel di base, posto tra i Comuni di Susa e Salbertrand.

Nella sua risposta, Gabusi ha sottolineato che "le competenze regionali sono minime rispetto a un'opera internazionale prevalentemente gestita dallo Stato anche se la Regione ha organizzato con la Comunità della Val di Susa, nella scorsa estate, un incontro durante il quale è emersa la possibilità di trasferire in parte sia lo smarino sia i conci derivanti dal cantiere". Nello specifico non esisterebbe al momento alcuna istanza che richieda una modifica al progetto presentato per lo spostamento del cantiere a Susa. Rimane pertanto invariato il quadro progettuale previsto dalle delibere CIPE 30 e 39/2018 oltre alla deliberazione della Giunta regionale del 2 febbraio 2018.

Valle ha anche chiesto come si realizzerebbero le strutture di cantiere nell’area del comune di Susa visto che non dispongono di autorizzazione e finanziamento ed anche se per la nuova postazione sia stata effettuata una puntuale verifica sulla sicurezza dell’area e dei lavoratori giudicata inidonea dallo stesso Comitato. Gabusi ha spiegato che non si tratterebbe di un vero e proprio spostamento del cantiere ma di un’attività dilazionata da realizzarsi in un secondo tempo per motivi di sicurezza e per quanto consta alla Regione l’attuazione di quel cantiere rimane comunque autorizzata dal Cipe essendo l’area inclusa nel progetto e identificata come cantiere.
La tematica è motivo di grande apprensione da parte delle comunità valsusine ma le decisioni dipendono dai Ministeri dell’Ambiente, Infrastrutture e Trasporti che risponderanno alla Regione rispetto alla procedura che si intenderà seguire. Questa “variante” allo stato attuale non è stata ancora formalizzata rimanendo a livello progettuale anche se la tematica è connessa al problema legato ai tempi del materiale da smaltire attraverso il cantiere del Tav.

"La vicenda – ha poi ribadito Valle – desta grande preoccupazione nei cittadini della zona e, benchè le decisioni dipendano dai Ministeri interessati, ritengo che debba essere fatta chiarezza in merito alla 'variante' di Susa. Chiederò, quindi, un’Audizione dei Sindaci della Val di Susa e di Telt e un’informativa dell’Assessore Gabusi dal momento che resta grande la preoccupazione e le informazioni sono frammentarie. Ritengo importante continuare a monitorare la situazione e ad approfondire lo stato delle cose".

 

d.an.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium