/ Attualità

Attualità | 28 aprile 2021, 14:12

Corse calate tra il 60 e l'80% durante la pandemia, domani i taxisti tornano a protestare

Prevista manifestazione davanti al Palazzo Civico per chiedere misure di sostegno

protesta taxi - foto di repertorio

Domani i taxisti torinesi tornano a protestare

Nonostante l'allentamento delle restrizioni e il ritorno del Piemonte in zona gialla per diverse categorie la situazione continua ad essere molto problematica. "Ci asciughiamo le lacrime da soli, ma ormai non sono rimasti nemmeno i fazzoletti". Alberto Aimonte Cat, presidente della cooperativa Taxi Torino, che conta 1.430 soci e 40 dipendenti, sarà domani davanti a Palazzo Civico a manifestare con gli altri tassisti che chiedono misure di sostegno adeguate. L'ultima manifestazione era stata lo scorso 26 marzo.

Con la pandemia il numero di corse giornaliere sono diminuite tra il 60 e l'80 per cento. "Riceviamo aiuti e ristori non proporzionali alle spese - racconta - noi siamo una forma di trasporto pubblico locale, ovvero viaggiamo con una tariffa determinata dal Comune ma i costi dell'auto e del carburante li sosteniamo privatamente". Oltre all'aspetto economico pesa anche quello psicologico, spiega Aimonte Cat: "Ci sono colleghi morti di Covid, ma non siamo nell'elenco delle categorie prioritarie per il vaccino e non abbiamo ricevuto mascherine né dispositivi di sicurezza. Facciamo tutto da soli".

"Nel nostro lavoro rischiamo sempre di trasportare qualche malintenzionato, i tassisti vengono minacciati e rapinati - sottolinea - Ora rischiamo anche di ammalarci. Eppure per senso civico, più che per i guadagni, non ci siamo mai rifiutati di trasportare i malati di Covid".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium