/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 12 maggio 2021, 07:45

Cittadella dell'Aerospazio di corso Marche, il piano firmato Leonardo-Politecnico: entro il 2023 i laboratori di ricerca

I lavori per il primo lotto, che riguarderà circa 15mila metri quadrati di terreno, partiranno ad inizio 2022. Il rettore Saracco: “Sarà polo internazionale in grado di attirare imprese da tutto il mondo”

Il Politecnico e la Cittadella dello Spazio di corso Marche

Il Politecnico e la Cittadella dello Spazio di corso Marche

La Cittadella dell'Aerospazio di corso Marche, firmata dall'azienda Leonardo e dal Politecnico di Torino, sta prendendo forma: partiranno a inizio 2022, infatti, i lavori per il primo lotto di terreno per un totale di circa 15mila metri quadrati. L'annuncio è stato fatto durante una Commissione congiunta tra le Circoscrizioni 3 e 4 e il Comune di Collegno.

Il piano: i primi laboratori di ricerca entro il 2023

I primi a essere realizzati saranno i laboratori di ricerca, con l'obiettivo di ultimarli entro il 2023: “L'aspettativa - ha dichiarato il rettore Guido Saraccoè quella di popolare l'area con un migliaio di persone, radicando grandi player proprio come Leonardo e ospitando piccole e medie imprese con l'obiettivo di creare un ecosistema; la presenza del Politecnico, con la sua attività di ricerca, formazione e innovazione, aiuterà a progettare l'atterraggio di queste aziende facendo rifiorire un settore strategico come quello dell'aerospazio. L'alto potenziale della zona, inoltre, attirerà studenti e lavoratori e potrà portare a un miglioramento generale dei servizi: questo effetto a catena potrebbe spingere il Ministero per lo Sviluppo Economico a investire nuovi fondi”.

Questa prima parte - ha spiegato invece il responsabile della divisione velivoli di Leonardo Marco Zoffè anche l'unica già finanziata, mentre le successive verranno progettate gradualmente una volta ottenuti i fondi necessari. La scelta dell'azienda è stata precisa perché, anziché guadagnare dalla dismissione di un'area di sua proprietà, ha optato per concederla al pubblico attraverso un diritto di superficie compreso tra i 30 e i 50 anni. L'accordo quadro stipulato con il Politecnico stabilisce su quali competenze punterà la ricerca e su quali basi poggerà la realizzazione fisica delle infrastrutture”.

I punti fondamentali del progetto: industria, didattica e sviluppo urbano

Il rinnovato impegno di Leonardo va visto, in generale, anche dal punto di vista della sua radicata presenza sul territorio: “Quel quadrante di città – ha aggiunto Zoff – rappresenta da oltre 100 anni la culla dell'aerospazio in Italia: con questo progetto abbiamo scelto la strada dello sviluppo, guardando alle forze pubbliche e private migliori del territorio per dare vita al suo futuro grazie alla didattica, all'insediamento di piccole e medie imprese e allo sviluppo urbano. Punteremo sulla propulsione ibrida elettrica, sull'interfaccia uomo-macchina, sugli algoritmi intelligenti e sulla logistica, portando capitale materiale e umano su cui andare a sviluppare tutto il resto, compreso un rapporto sostenibile con una città di cui ci sentiamo attori importanti”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium