/ Cronaca

Cronaca | 27 giugno 2021, 13:15

"Morte ai gay": il messaggio-shock lasciato sulla pagina Instagram di un giovane che si è suicidato: la Procura indaga per omofobia

Il caso è quello di una ragazzo di 18 anni che ha perso la vita domenica scorsa gettandosi sotto un treno nei pressi della stazione Lingotto. Si teme che alla base del gesto ci fossero episodi di bullismo e omofobia

"Morte ai gay": il messaggio-shock lasciato sulla pagina Instagram di un giovane che si è suicidato: la Procura indaga per omofobia

La procura di Torino sta indagando sulla morte di un diciottenne che domenica scorsa si è suicidato gettandosi sotto un treno tra le stazioni di Torino Lingotto e Moncalieri.

Bullismo e omofobia sono le ipotesi avanzate dall'inchiesta coordinata dal PM Antonella Barbera. Il giovane non ha lasciato alcun biglietto ma sulla sua pagina Instagram tra i numerosi messaggi di cordoglio ci sono anche vari insulti e persino un "Morte ai gay". La storia del giovane è stata ripresa oggi dall'Ansa dopo essere stata trattata da un quotidiano locale.

"Lo prendevano in giro perché era omosessuale", avrebbero riferito alcuni amici. Ora i genitori chiedono giustizia. Gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno acquisito i messaggi e sono andati a parlare con gli insegnanti dell'Istituto professionale frequentato dal ragazzo.

"Il bullismo, in qualunque forma, è una piaga della società. La mia vicinanza alla famiglia in questo momento di grande dolore", ha commentato l'assessore ai Diritti del Comune, Marco Giusta. Nulla potrà colmare il vuoto che questo ragazzo ha lasciato, maci serva come monito per dire 'Mai più'. Mi rivolgo ai senatori e senatrici: approvate il ddl Zan, sostenete un cambiamento che possa iniziare dalla scuole, perché diventino un luogo dove gli individui delle nuove generazioni possano formarsi senza la paura di essere se stessi".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium