/ Politica

Politica | 10 luglio 2021, 12:15

Variante Delta e finale degli Europei di calcio, giro di vite a Torino: sabato per la movida e domenica in tutta la città

La sindaca Appendino ha firmato un'ordinanza in vista del fine settimana per limitare i rischi di contagio da Covid e disagi legati alla disputa di Italia-Inghilterra

bicchieri di plastica in primo piano davanti a scene di movida in città

Giro di vite per questo fine settimana da parte del Comune

Giro di vite per questo fine settimana a Torino, un po' per contrastare eventuali rischi legati alla diffusione del Covid e della sua variante Delta, un po' per limitare i disordini e i disagi in concomitanza della finale dei Campionati Europei di calcio.

Con un'ordinanza ad hoc, la sindaca della città, Chiara Appendino, ha infatti vietato per la giornata di oggi - sabato 10 luglio - la vendita di prodotti alimentari e di bevande alcoliche nelle aree della Movida. Uno stop che sarà ampliato a tutta la città per domenica 11. Inoltre, a partire dalle 21 di domenica (fischio d'inizio della gara tra Italia e Inghilterra che assegna la vittoria della competizione internazionale) sarà vietato il consumo di bevande in contenitori di vetro o lattine nei luoghi pubblici.

Ecco le zone della "movida"

In particolare, le zone della movida individuate per la serata di oggi sono Via Giolitti ambo lati, Via delle Rosine ambo lati, Via Po ambo lati, Piazza Vittorio Veneto, Via Giulia di Barolo ambo lati, Via Verdi ambo lati, Via Roero di Cortanze ambo i lati, Corso San Maurizio. E ancora Corso Regina Margherita, Via Napione ambo i lati, Corso San Maurizio, Corso Regio Parco, Corso Verona, Lungo Dora Firenze, Corso Dante (ambo i lati), Via Nizza, Corso Vittorio Emanuele II, Corso Massimo D’Azeglio.

Le limitazioni per i locali pubblici (e non solo)

Secondo quanto previsto dalla sindaca, i titolari o gestori delle attività commerciali di vicinato del settore alimentare e misto e i titolari di attività artigianali abilitati alla vendita di beni alimentari di produzione propria devono osservare l’obbligo di chiusura alle 21. Inoltre, gli apparecchi automatici che si trovano negli spazi commerciali "indipendenti" devono essere configurati in modo che sia inibita la vendita e la somministrazione dalle 21 alle 7 del mattino dopo. In tutti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande da mezzanotte alle 3 la somministrazione di bevande alcoliche o superalcoliche è ammessa unicamente all’interno dello spazio di somministrazione autorizzato ed appositamente destinato al consumo dei prodotti e tramite servizio assistito al tavolo.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium